martedì 24 gennaio | 16:58
pubblicato il 18/giu/2011 15:37

Fiat/ Fiom: le newco servono a rompere con contratto nazionale

Rebaudengo: potevamo fare vetture altrove

Fiat/ Fiom: le newco servono a rompere con contratto nazionale

Torino, 18 giu. (askanews) - Punta a dimostrare la continuita' tra Fiat Group Automobiles e Fabbrica Italia Pomigliano la strategia della Fiom in tribunale contro il Lingotto. Il pool di legali messo in campo dai metalmeccanici della Cgil vuole infatti far emergere che con le newco, Fiat va contro la normativa sul trasferimento d'azienda. Fabbrica Italia Pomigliano secondo la Fiom in tribunale fu fatta per chiudere con il passato, dal punto di vista delle relazioni industriali. "Fip fu un'invenzione dell'ultimo momento" ha sostenuto il legale della Fiom Piergiovanni Alleva al processo torinese contro la costituzione della newco di Pomigliano che contravverrebbe secondo Fiom alle leggi in materia di cessione di azienda. Secondo Alleva, la societa' fu costituita nel luglio del 2010 "quando si accorsero (in Fiat, ndr) che non bastava uscire da Confindustria per tagliare il cordone ombelicale con il contratto dei metalmeccanici del 2008". "E' indiscutibile e dato per scontato da tutti gli osservatori , che il ricorso alla newco, una per sito produttivo - ha sostenuto Alleva - ha per Fiat una sola motivazione: rompere con la contrattazione collettiva nazionale metalmeccanica e fare fuori la Fiom". E a questo proposito gli avvocati della Fiom hanno cercato di far emergere che gli ordini relativi ai macchinari per la nuova Panda risalgono a prima che Fip vedesse la luce nel luglio 2010. "La nostra volonta' era quella di creare una fabbrica completamente nuova" ha replicato il responsabile delle relazioni industriali della Fiat, Paolo Rebaudengo, in udienza, intervenendo sull'ipotesi dei legali della Fiom, secondo cui gli ordini per i macchinari relativi alle linee della nuova Panda risalirebbero alla vecchia gestione Fiat. "Non potevano partire da un prato verde, come fu a Melfi" ha replicato Paolo Rebaudengo, sottolineando l'impegno di 300 milioni di euro per rinnovare l'impianto. E ha ribadito: "Queste vetture potevano essere prodotte in un altro stabilimento e in un altro paese". E annuncia di essere in grado di portare carte e foto che riguardano lo smontaggio delle vecchie linee.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Cambi
Protezionismo Trump riporta il dollaro ai minimi da dicembre
Generali
Battaglia su Generali infiamma titolo, vola Mediobanca
Taxi
Faro Antitrust su radio taxi, al via due istruttorie
Usa
Trump vede produttori auto, anche Marchionne, e promette "spinta"
Altre sezioni
Salute e Benessere
Al via Peter Baby Bio, progetto toscano per omogeneizzati Km zero
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Del Pesce sarà main sponsor di Aquafarm 2017
Turismo
Alla scoperta di Piacenza con Sorgentedelvino Live
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio, Pasquali: Leonardo pronta a cogliere opportunità sviluppo
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4