martedì 28 febbraio | 02:58
pubblicato il 28/gen/2014 16:02

Fiat: Farina (Fim-Cisl), la questione della sede e' marginale

(ASCA) - Torino, 28 gen - La questione della sede Fiat e' marginale: lo scrive il segretario generale della Fim Cisl Giuseppe Farina in un lungo intervento su Conquiste del Lavoro il quotidiano della Cisl, alla vigilia dell'incontro tra le organizzazioni sindacali e Fiat domani a Torino.

Farina nel suo articolo ricostruisce la vicenda Fiat, dall'accordo di Pomigliano, all'accordo tra Fondo Veba e Fiat per il controllo di Chrysler, che nei fatti ha disegnato i contorni di ''nuova'' azienda globale, e sottolinea come: ''L'idea che la Fiat debba investire comunque in Italia e mantenere, a prescindere, il quartier generale a Torino in ragione delle sue origini e della sua storia, e' semplicemente illusoria e priva di logica. Prima lo capiamo - scrive Farina - e meglio e'''. ''Quello che conta e' che nel quartier generale della nuova societa' abbiano ascolto le voci dei lavoratori di Fiat/Chrysler in qualsiasi parte del mondo si trovino e che il sindacato di Fiat/Chrysler sappia costruirsi e concepirsi come sindacato globale e come tale, interlocutore autorevole dell'azienda. Farina affronta in ampi passaggi anche il ruolo della politica nazionale e di certa stampa che come scrive il leader della tute blu della Cisl: ''hanno affrontato il tema Fiat sin dall'inizio in maniera ''provinciale'' e demagogica, mentre il mondo stava cambiando, scrivendo come ''gli investimenti hanno bisogno di ambienti politici e amministrativi favorevoli e di relazioni sindacali stabili con regole certe ed esigibili. Qui c'e' una bella differenza tra la situazione italiana e quella di altri paesi'' e cita il caso degli Stati Uniti e del Brasile.Ma questo - scrive sempre Farina - e' vero per l'intera industria italiana che alla base della nostra economia, e' quello che sappiamo fare meglio e' la nostra storia economica; quello che ci ha consentito di diventare negli anni un paese ricco ed evoluto.

L'Italia possiede impianti, tecnologie e presenze industriali in tutti i settori e in tutti i mercati piu' importanti del mondo, a cui si aggiungono cultura, competenze e saperi industriali, che hanno fatto scuola in Europa e nel mondo. E' da qui che bisogna ripartire per rimettere in moto il Paese''.

com/eg/cam

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Alitalia
Alitalia: liquidità al limite, tagli potrebbero salire a 400 mln
Generali
Intesa SanPaolo vola in borsa dopo no a Generali: mercato approva
Ue
Regioni: Lombardia la più competitiva in Italia, 143esima in Ue
Borsa
In bilico fusione Lse-Deutsche Borse, nodo mercato titoli Stato
Altre sezioni
Salute e Benessere
Malattie rare, Scaccabarozzi: 560 farmaci in sviluppo nel mondo
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Premio Ercole Olivario, in gara 174 etichette da 17 Regioni
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
E.ON:Per 6 italiani su 10 ideale per la casa è l'energia solare
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Fisica, Masterclass: 3000 studenti alla scoperta delle particelle
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech