sabato 25 febbraio | 12:59
pubblicato il 01/feb/2013 18:22

Fiat: Di Maulo, no a espedienti per aggirare mobilita' 19 in Fip

(ASCA) - Torino, 1 feb - Tiene alta la guardia contro la Fiom la Fismic, persino dopo l'annuncio Fiat su Pomigliano che dovrebbe trovare anche una soluzione per i 19 operai messi in mobilita' dall'azienda in risposta alle vertenze del sindacato di Landini: ''Fismic e', e rimarra' sempre, contro i sotterfugi, gli inganni e le soluzioni all'italiana'', dice Roberto Di Maulo, leader della Fismic. ''Se si tratta di un'operazione di politica industriale simile a quella che ha visto dal primo gennaio riunificare in Fiat tutte le fabbriche di motori Powertrain, allora siamo d'accordo - dice Di Maulo -. Soprattutto se si avviera' attraverso questo accorpamento un processo di avvicendamento-rotazione di tutti i lavoratori, permettendo ai 1400 ancora fuori dallo stabilimento di ritornare in tempi brevi al lavoro. Ma se si tratta di un mero espediente per aggirare la sentenza del Tribunale sui 19 lavoratori in mobilita', allora saremo fortemente contrari perche' la Fismic e', e rimarra' sempre, contro i sotterfugi, gli inganni e le soluzioni all'italiana''. Di Maulo lo ha sottolineato ad Avellino, a un'assemblea pubblica che ha sancito l'ingresso di numerosi delegati sindacali di fabbrica in rappresentanza di centinaia di iscritti che, nei giorni scorsi, sono passati dalla Fim-Cisl alla Fismic, guidati dal leader storico Giuseppe Zaolino e da altri tre componenti della segreteria di quell'organizzazione.

''E' un segno - ha affermato in proposito Di Maulo - che la coerenza e la trasparenza con cui svolgiamo la nostra attivita' sindacale vengono sempre piu' apprezzate dai lavoratori che hanno bisogno di chiarezza e di un sindacato trasparente, specialmente in questi momenti di crisi economica, che non racconta favole''. ''Per quanto riguarda la crisi Irisbus - ha infine detto il leader Fismic - vigileremo sui numerosi politici, a partire da Bersani e Vendola che hanno fatto campagna elettorale davanti ai cancelli della fabbrica promettendo mirabilie e munifici piani dei trasporti. Chiederemo conto di quanto hanno promesso, in caso di loro vittoria. Ma siamo abbastanza certi, purtroppo, che si tratti dell'ennesimo caso di sciacallaggio politico sulla pelle dei lavoratori''.

com/eg

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Alitalia
Alitalia, Ball: accordo con sindacati condizione imprescindibile
Banche
Rbs, in nove anni 60 mld di perdite e 45 mld di aiuti di Stato
Germania
Cina primo partner commerciale della Germania: scalzati Usa
Mediaset
Mediaset a Vivendi: esposto alla Procura fondato e documentato
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech