mercoledì 18 gennaio | 00:40
pubblicato il 04/set/2013 13:58

Fiat: Di Maulo, (Fismic), nuovi investimenti grazie a contratto

(ASCA) - Torino, 4 set - ''Gli accordi che reggono la contrattualistica in Fiat, sottoscritti dalla maggioranza dei sindacati e approvati dalla maggioranza dei lavoratori, sono considerati dalle parti il presidio che garantisce la permanenza industriale e occupazionale della Fiat in Italia''. Il Segretario Generale della Fismic, Roberto Di Maulo, cosi' commenta l'esito positivo dell'incontro di questa mattina con l'amministratore delegato della Fiat, Sergio Marchionne.

''L'aver ribadito questo con forza - prosegue Di Maulo - ha permesso anche di sbloccare gli investimenti per lo stabilimento di Mirafiori che inizieranno da subito per produrre, nella seconda meta' del 2014, un suv Maserati, a cui seguira' un'altra vettura. Inoltre e' ovvio che tale impegno sulla contrattualistica Fiat ha anche permesso all'azienda di riconfermare in toto gli investimenti previsti in Italia, compreso quello futuro per Cassino''.

''L'azienda nei prossimi giorni - aggiunge il segretario Generale - aprira' la procedura di richiesta di proroga della cassa integrazione per Mirafiori.

E' stata inoltre riconfermata, su domanda specifica della Fismic, la volonta' di creare a Torino un comprensorio unico che produrra' automobili di lusso tra lo stabilimento di Grugliasco e quello di Mirafiori''. ''Per quanto riguarda la concessione delle Rsa alla Fiom - afferma ancora il leader Fismic - e' stato ribadito dalle parti che si tratta di un atto esclusivamente formale e di rispetto della sentenza della Corte Costituzionale.

Alla Fiom pertanto andranno solo i diritti minimi previsti dal titolo 3* dello Statuto dei lavoratori. La Fiom non potra' esercitare alcun ruolo negoziale negli stabilimenti, a meno che aderisca al sistema contrattuale Fiat''. ''La Fismic - conclude Di Maulo - considera molto positivo l'incontro di oggi e lo ritiene un buon segnale per l'intero Paese perche' dimostra che se ci sono un sistema contrattuale chiaro e assunzioni precise di responsabilita' da parte delle organizzazioni sindacali, e' possibile pensare di uscire dal declino industriale e creare ancora occupazione in Italia''.

com/eg/mau

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Turismo
Nel 2016 Roma è stata la meta italiana preferita dagli europei
Auto
Fca, anche a dicembre vendite in Europa meglio del mercato
Brexit
Brexit, sterlina accelera a 1,2290 dopo le parole di May
Trasporti
Trasporto aereo, sindacati: il 23 febbraio sciopero di 4 ore
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute: nuovi Lea in arrivo. In vigore dopo pubblicazione su G.U.
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Nel 2016 consumi alimentari fuori casa +1,1%, domestici -0,1%
Turismo
Nel 2016 Roma è stata la meta italiana preferita dagli europei
Energia e Ambiente
L'Enel porta energia "verde" all'ambasciata italiana di Abu Dhabi
Moda
Moda, nasce Brandamour, nuovo polo del lusso Made in Italy
Scienza e Innovazione
Nell'Universo ci sono almeno due trilioni di galassie
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Dal 26 marzo al via i nuovi voli da Milano-Malpensa