domenica 04 dicembre | 13:35
pubblicato il 05/mar/2013 15:06

Fiat: Di Maulo, 8/3 data propizia per firma contratto, venga pure l'Ad

(ASCA) - Torino, 5 mar - ''Prendiamo atto con soddisfazione che l'Amministratore Delegato di Fiat pensa, al pari di noi, che le difficolta' per chiudere il contratto per i lavoratori del Gruppo non sono insormontabili''. Cosi' il Segretario Generale della Fismic, Roberto Di Maulo, commenta le dichiarazioni di questa mattina di Sergio Marchionne al Salone di Ginevra. ''Ci aspettiamo dunque - prosegue Di Maulo - che venerdi' 8 marzo sia una data propizia per chiudere finalmente un buon accordo. Peraltro - aggiunge - sarebbe bene accolta dai lavoratori la presenza dell'Amministratore Delegato al momento della firma''.

''Per il resto - spiega il leader Fismic, commentando le affermazioni di Marchionne - condividiamo l'allarme in caso di una fase, anche breve, di ingovernabilita' del Paese perche' i danni maggiori sarebbero pagati dagli strati piu' deboli della popolazione, in particolare dai lavoratori dipendenti, dai pensionati e dalle famiglie in genere.

L'ingovernabilita' porterebbe a un ritorno degli attacchi speculativi contro la nostra economia, farebbe aumentare ancora di piu' la disoccupazione e provocherebbe una diminuzione di possibilita' di spesa per lo stato sociale''.

com/eg/mau

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Energia
Elettricità, Cgia: per piccole imprese la più cara in Eurozona
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari