domenica 11 dicembre | 12:55
pubblicato il 02/gen/2014 12:48

Fiat: De Palma (Fiom), governo convochi le parti su futuro azienda

(ASCA) - Torino, 2 gen 2014 - ''L'accordo raggiunto tra Fiat e il fondo Veba scongiura il rischio del fallimento della fusione, ma riteniamo che l'acquisto della restante quota capitale di Chrysler Group e' stato possibile grazie alla massimizzazione del capitale industriale e umano delle lavoratrici e dei lavoratori del gruppo Fiat in Italia''. Lo afferma Michele De Palma, responsabile nazionale auto della Fiom. ''Infatti - prosegue De Palma - la proprieta' non ha dovuto ricapitalizzare per raggiungere il 100% della Chrysler. Prima di festeggiare, riteniamo fondamentale capire i termini dell'accordo''.

''Ora che e' stata perfezionata l'intesa - conclude il sindacalista - chiediamo che la Presidenza del Consiglio, cosi' come si era impegnata a fare nell'incontro del 12 dicembre, convochi tutte le parti per affrontare il tema del futuro occupazionale e industriale degli stabilimenti italiani, e quindi avere certezza sugli investimenti del piano industriale per il nostro Paese''.

eg/mau

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Francia
Francia, è penuria di tartufi e i prezzi volano alle stelle
Petrolio
Scatta la prima stretta globale all'offerta di petrolio da 15 anni
Brexit
Dijsselbloem dice che dalla Brexit non nascerà una nuova "City" Ue
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
All'Isola della Sostenibilità il mondo dell'economia circolare
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Le tecnologie spaziali che aiutano la sostenibilità
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina