lunedì 16 gennaio | 16:22
pubblicato il 14/gen/2011 23:45

Fiat/ Dai primi risultati a Mirafiori è testa a testa

I no prevalgono al momento al reparto montaggio

Fiat/ Dai primi risultati a Mirafiori è testa a testa

Roma, 14 gen. (askanews) - Quando lo scrutinio delle 5.213 schede per il referendum di Mirafiori ha superato il 10% si profila un testa a testa tra il no e il sì all'accordo separato. Nel reparto montaggio, tradizionalmente favorevole alla Fiom, il no ha vinto con 362 voti contro i 302 del sì. Il risultato finale si conoscerà solo a notte inoltrata, in quanto le operazioni di spoglio avvengono un seggio alla volta. Al primo seggio hanno votato 442 lavoratori, al secondo 424, al terzo 240, al quarto seggio 218, al quinto 449, al sesto 819, al settimo seggio 732 lavoratori, all'ottavo 836, al nono 669 e nel turno notturno 384 lavoratori. In giornata ci sono state tensioni davanti ai cancelli dello stabilimento torinese. L'atmosfera è stata segnata da rabbia, ma anche da rassegnazione. Pochi sono i convinti, molti i sì per necessità e altrettanti i no di operai fermamente decisi a far saltare l'accordo.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Alitalia
Alitalia, Calenda: no a nuova rinazionalizzazione
Fca
Fca, Calenda: Berlino si occupi di Volkswagen
Luxottica
Luxottica ed Essilor verso fusione, Luxottica vola in borsa (+13%)
Luxottica
Luxottica si unisce a Essilor, nasce leader prodotti per la vista
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute: nuovi Lea in arrivo. In vigore dopo pubblicazione su G.U.
Motori
Kawasaki al Motor Bike Expo di Verona dal 20 al 22 gennaio
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella, conto alla rovescia Anteprima Amarone
Turismo
A Singapore la gara di Danza del leone, caccia i cattivi spiriti
Energia e Ambiente
L'Enel porta energia "verde" all'ambasciata italiana di Abu Dhabi
Moda
Milano Moda uomo, i quadri viventi di Antonio Marras
Scienza e Innovazione
Rompicapo galattico per telescopio Hubble
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Milano, mobilità sempre più ecosostenibile DriveNow