martedì 21 febbraio | 06:33
pubblicato il 04/giu/2014 16:59

Fiat: contratto, azienda propone ''una tantum'' per il 2014

(ASCA) - Torino, 4 giu 2014 - Una una tantum per il 2014. E' questa la proposta che la delegazione aziendale ha fatto oggi al tavolo dell'Unione industriale di Torino dove si discute il rinnovo del contratto che riguarda circa 86mila dipendenti tra Fiat e Cnhi. La proposta, sul cui ammontare non filtrano indiscrezioni, potrebbe sbloccare la trattativa che ha visto ieri alcune componenti dei sindacati firmatari e in particolare la Uilm, piuttosto scettiche sulla possibilita' di applicare a tutti i dipendenti aumenti legati agli obiettivi del Wcm, il nuovo modello organizzativo introdotto dal gruppo, ma applicato soltanto negli stabilimenti produttivi, e soprattutto sul rischio che per quest'anno e per molti dipendenti del gruppo l'aumento si riduca a pochi euro. Se la proposta aziendale dovesse essere accolta, il principio dell'aumento legato al wcm non verrebbe accantonato, ma entrerebbe in vigore dall'anno prossimo in relazione agli obiettivi conseguiti nel 2014. eg/mau

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pensioni
Pensioni, Boeri: pensare a giovani, alcuni privilegi da rivedere
Alitalia
Alitalia, Delrio: ci sono problemi seri, siamo preoccupati
Alitalia
Alitalia, sindacati: sciopero confermato, governo convoca azienda
Conti pubblici
Padoan: da migliori previsioni no impatto su manovra correttiva
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ordini Medici: pubblicità sanitaria selvaggia è allarme sociale
Motori
BMW presenta la nuova Serie 5 berlina
Enogastronomia
Verona Fiere, Evoo Days, al via il primo forum per filiera olio
Turismo
Turismo, Alpitour amplia la rete su Andalusia e Costa del Sol
Energia e Ambiente
Premio ai Vigili del fuoco per i voli su Amatrice e Rigopiano
Moda
Moda New York, la donna bon ton secondo Carolina Herrera
Scienza e Innovazione
Onde gravitazionali, inaugurato a Cascina l'Advanced Virgo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Ibar, Usa e Cina ancora al top per i voli dall'Italia