domenica 04 dicembre | 09:28
pubblicato il 16/mag/2013 17:56

Fiat: Centrella (Ugl), stabilimenti italiani restino inalterati

(ASCA) - Roma, 16 mag - ''Sergio Marchionne probabilmente sta valutando da anni, non in questi giorni, la possibilita' di trasferire la sede Fiat da Torino agli Usa ed e' anche per evitare questo se dal 2010 abbiamo fatto degli accordi per migliorare la produttivita'. Fondamentale e' che in Italia restino almeno le braccia cioe' gli stabilimenti e quindi i lavoratori''. Lo sostiene il segretario generale dell'Ugl, Giovanni Centrella, in merito all'ipotesi che, secondo quanto riferito dall'agenzia Bloomberg, l'amministratore delegato del Lingotto starebbe valutando il trasferimento della sede, una volta completata la fusione con Chrysler. Per il sindacalista ''questa scontata ma non positiva notizia dovrebbe far riflettere il governo, perche' si tratta di un fenomeno non isolato. Bisogna trovare il modo di rendere nuovamente appetibile da un punto di vista industriale questo Paese, non abbassando i diritti ma creando nuove infrastrutture e alleggerendo il fisco''.

com-sen/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Energia
Elettricità, Cgia: per piccole imprese la più cara in Eurozona
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari