domenica 04 dicembre | 23:47
pubblicato il 24/set/2012 05:10

Fiat/ Cautela tra sindacati e partiti sul futuro in Italia

Bonanni: Ora Marchionne incontri i sindacati

Fiat/ Cautela tra sindacati e partiti sul futuro in Italia

Roma, 24 set. (askanews) - Cautela tra i sindacati e i partiti su quello che sarà il futuro della Fiat in Italia. Il Pd esprime dubbi malgrado l'impegno del governo. "Nonostante gli sforzi del governo, mi pare che il problema Fiat rimanga del tutto aperto" ha dichiarato Pier Luigi Bersani. Per Fabrizio Cicchitto, presidente dei deputati del Pdl l'incontro fra il governo e la Fiat ha messo in evidenza "la complessità e la difficoltà della situazione che non può esser certo risolta con polemiche frontali nei confronti di una azienda che ha tutti i suoi storici difetti, ma che tuttavia oggi si misura con tutte le difficoltà della globalizzazione". Il segretario generale della Cisl, Raffaele Bonanni, chiede "una verifica puntuale con Marchionne sui futuri piani di investimento della Fiat in Italia". Per Giorgio Airaudo, responsabile auto della Fiom, "non c'è traccia di un impegno della Fiat in Italia". "Non era realistico attendere dei miracoli, quindi rimane tutto un lavoro da fare per capire che modelli vuole produrre la Fiat in Italia. La mia delusione è stata modesta perché le mie aspettative sull'incontro erano basse". E' il commento di Luigi Angeletti.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari