giovedì 19 gennaio | 15:03
pubblicato il 18/giu/2014 16:11

Fiat: blocco straordinari, Fismic Piemonte si sfila

(ASCA) - Torino, 18 giu 2014 - La Fismic del Piemonte rompe il fronte dei sindacati firmatari e non partecipa al blocco degli straordinari proclamato a partire dallo scorso 16 giugno in tutti gli stabilimenti del gruppo Fiat e Cnhi per fare pressione all'azienda sulla riapertura della trattativa sul contratto. Il sindacato piemontese malgrado il documento unitario dell'altro ieri dopo l'incontro delle segreterie nazionali a Roma, ha ribadito la contrarieta' ad ogni forma di lotta perche', e' scritto in una nota, si vede ''una prospettiva positiva dettata dagli investimenti con la piena occupazione degli stabilimenti italiani''. A quanto risulta la posizione della Fismic piemontese potrebbe essere seguita da altre sedi territoriali svuotando di fatto l'accordo firmato dal segretario Di Maulo. ''Non e' il momento di intraprendere azioni che possono portare ad un inasprimento di una fase gia' molto difficile - scrive la Fismic Piemonte -. Sicuramente, non saranno ne' blocchi dello straordinario ne', tanto meno eventuali iniziative ancora piu' pesanti a risolvere le problematiche ancora aperte'': ''Secondo noi - si legge ancora in una nota - la distanza tra la proposta della Fiat e quella sindacale non e' lontanissima e basterebbe un piccolo sforzo in piu' da parte di entrambi per riuscire a trovare una soluzione dignitosa. ''In uno scenario economico nazionale disastroso - osserva il sindacato - avere un'azienda come la Fiat che oltre ad avere annunciato 5,5 miliardi di euro di investimenti nel nostro paese e li sta anche realizzando (vedi Mirafiori-Grugliasco), riteniamo che non ci debbano piu' essere tentennamenti o fughe in avanti e richiamiamo tutti alle proprie responsabilita'. Dopo tanti anni circa 2000 lavoratori della carrozzeria di Mirafiori stanno venendo gradualmente trasferiti nello stabilimento di Grugliasco, con una prospettiva certa di lavoro e di salario e tutto questo, secondo noi, non e' cosa da poco''.

eg/sam/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Fed
Fed, Yellen vede tassi al 3% alla fine del 2019
Petrolio
Petrolio, Aie rivede al rialzo domanda mondiale, cala offerta Opec
Valute
Effetto Trump sul dollaro, vicino ai minimi di due mesi con yen
Netflix
Netflix, record di abbonati nel 4 trimestre, anche fuori dagli Usa
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ricerca, molti batteri presenti nel neonato vengono dalla madre
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella: in Usa il 10% della produzione di Amarone
Turismo
Da Bookingfax una App per riportare turisti in Agenzia di viaggio
Energia e Ambiente
Allarme Clima, il 2016 è stato l'anno più caldo di sempre
Moda
Moda, dopo Milano Brandamour apre uno show room anche a New York
Scienza e Innovazione
Cern, LHC: Federico Antinori (Infn) responsabile esperimento Alice
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
TomTom City, la piattaforma monitora il traffico in tempo reale