giovedì 19 gennaio | 23:21
pubblicato il 03/lug/2013 20:32

Fiat: azienda, dopo sentenza Consulta intervenga legislatore

Fiat: azienda, dopo sentenza Consulta intervenga legislatore

(ASCA) - Torino, 3 lug - La sentenza della Corte costituzionale ribalta una giurisprudenza consolidata ma non e' applicabile alla Fiom che non ha partecipato alla trattativa per il contratto e in ogni caso e' bene che il legislatore definisca un criterio di rappresentanza piu' solido. E' quanto sostiene la Fiat in una nota dopo la decisione della Consulta comunicata oggi sull'art. 19 dello statuto dei lavoratori.

''La Fiat prende atto della pronuncia della Corte Costituzionale - si legge nel comunicato del Lingotto -. In attesa di conoscere le motivazioni della sentenza, la Fiat si limita ad osservare che con questa decisione la Corte ha ribaltato l'indirizzo che la stessa aveva espresso nelle precedenti numerose decisioni sull'argomento nei 17 anni durante i quali e' in vigore l'articolo 19 dello Statuto dei Lavoratori nella sua attuale formulazione''.

''Sulla base della lettura del comunicato stampa emesso oggi - si prosegue - sembra che la Corte Costituzionale abbia collegato il diritto a nominare le RSA alla partecipazione alla negoziazione dei contratti collettivi poi applicati ai lavoratori dell'azienda. Se questa lettura e' corretta, la decisione non appare riferibile alla posizione assunta dalla Fiom che, a priori, ha sempre rifiutato qualsiasi trattativa sui contenuti del contratto collettivo specifico di lavoro di primo livello di Fiat S.p.A. e di Fiat Industrial applicato a partire dal primo gennaio del 2012, nonche' sul recente rinnovo del predetto contratto collettivo''. ''Fiat - e' scritto ancora nella nota - ha sempre preso tutte le decisioni di tipo industriale tenendo conto della legislazione vigente e in particolare, dell'art.

19 dello Statuto dei Lavoratori, modificato nel 1996 in seguito al referendum del 1995. La Fiat ricorda che il referendum che ha introdotto l'articolo 19 nella sua presente forma fu promosso da Rifondazione Comunista e dei Cobas con l'appoggio pieno della Fiom''.

''Viste le incertezze sollevate da questa decisione della Corte Costituzionale - conclude la nota -, la Fiat rimette piena fiducia nel legislatore affinche' definisca un criterio di rappresentativita' piu' solido e piu' consapevole delle delicate dinamiche delle relazioni industriali, che dia certezza di applicazione degli accordi, garantisca la liberta' di contrattazione e la liberta' di fare impresa, come avviene nei paesi di normale democrazia nelle relazioni industriali''.

com/eg

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Petrolio
Petrolio, Aie rivede al rialzo domanda mondiale, cala offerta Opec
Ilva
Ilva, Laghi: in 2016 produzione +23% con 5,8 mln tonnellate
Bce
Bce conferma a zero principale tasso di interesse dell'area euro
Inps
Inps: a dicembre autorizzate 37,8 mln ore Cig, su anno -11%
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella: in Usa il 10% della produzione di Amarone
Turismo
Da Bookingfax una App per riportare turisti in Agenzia di viaggio
Energia e Ambiente
Ambientalisti italiani in piazza per Trump
Moda
Moda, dopo Milano Brandamour apre uno show room anche a New York
Scienza e Innovazione
Alibaba diventa partner delle Olimpiadi fino al 2028
TechnoFun
Italiaonline si conferma prima internet company italiana
Sistema Trasporti
TomTom City, la piattaforma monitora il traffico in tempo reale