sabato 21 gennaio | 08:02
pubblicato il 01/dic/2011 18:21

Fiat/ Accordo definitivo su Termini, Dr Motor rileva il sito

"Nell'impianto ci saranno più occupati rispetto a prima"

Fiat/ Accordo definitivo su Termini, Dr Motor rileva il sito

Roma, 1 dic. (askanews) - Sindacati e Dr Motor hanno sottoscritto l'accordo definitivo per la riconversione industriale dello stabilimento Fiat di Termini Imerese. Lo ha annunciato l'amministratore delegato di Invitalia, Domenico Arcuri. "Dopo l'accordo tra Fiat e sindacati - ha detto - l'intesa è stata sottoscritta anche con Dr Motor. Quindi il processo di insediamento della Dr nel sito industriale di Termini da oggi può dirsi concretamente operativo". Arcuri ha aggiunto che "il processo di trasferimento delle attività da Fiat a Dr Motor si è compiuto. E il problema della riqualificazione del sito di Termini, almeno dal punto di vista istituzionale è stato risolto nei termini e nei tempi previsti anche rispetto alla fatidica data del 31 dicembre". Il trasferimento dell'impianto di Termini Imerese da Fiat a Dr Motor avverrà al prezzo simbolico di 1 euro e si realizzerà compiutamente con la riassunzione di tutti i dipendenti nell'azienda diretta dall'imprenditore Massimo Di Risio. "Con questi accordi - ha sottolineato l'ad di Invitalia, advisor per il Governo nella vertenza - è stata risolta una complicata vicenda. Anche l'accordo tra sindacati e Dr Motor non contiene alcuna sorpresa. Quanto fatto si basa sui requisiti finora concordati ed è completamente coerente, soprattutto sul versante occupazionale, con quanto sottoscritto tra sindacati e Fiat. Il Lingotto chiederà nelle prossime ore al ministero del Lavoro la cassa integrazione straordinaria per 640 lavoratori (cui seguirà fino a un massimo di 4 anni la mobilità incentivata finalizzata alla pensione, ndr). Comincerà poi la fase di insediamento della Dr Motor nel sito di Termini con le prime assunzioni. Il tavolo continuerà a seguire il processo di insediamento e da domani ci occuperemo delle altre aziende incluse nell'accordo di programma". Arcuri ha inoltre affermato che c'è stata un'accelerazione con la collaborazione di tutte le parti, a partire dal ministro dello Sviluppo economico, Corrado Passera, che è stato "costantemente informato" su tutti i passi della vertenza. "Governo e Regione Sicilia - ha concluso l'ad di Invitalia - sono riusciti a risolvere un serio problema in un'area di delicata crisi del Mezzogiorno. Alla fine a Termini avremo un numero maggiore di occupati rispetto a quando la crisi dell'impianto produttivo è cominciata".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Alitalia
Alitalia, Messina: da tutti c'è volontà di risolvere situazione
Poste
Poste, Caio: società privatizzata ma resta missione sociale
Mediaset
Mediaset, P.S. Berlusconi: Vivendi? Se ne esce per vie legali
Ue
Antonio Fazio: disoccupazione e povertà grandi mali d'Europa
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4