lunedì 27 febbraio | 01:31
pubblicato il 16/gen/2013 12:00

Fiat/ A Melfi la Cigs, Marchionne: non chiuderemo altri impianti

Richiesta cassa integrazione straordinaria per ristrutturazione

Fiat/ A Melfi la Cigs, Marchionne: non chiuderemo altri impianti

Roma, 16 gen. (askanews) - La Fiat ha chiesto la cassa integrazione straordinaria dall'11 febbraio 2013 al 31 dicembre 2014 per la ristrutturazione dello stabilimento Sata del gruppo a Melfi. "Stiamo installando le nuove linee e continueremo a produrre la Punto", ha detto il numero uno di Fiat, Sergio Marchionne, intervenendo da Detroit, "non capisco quale sia il problema". Anche il ministro del Lavoro Elsa Fornero ha giudicato "normale" la richiesta, visto l'investimento promesso dall'Ad Marchionne, che richiede una ristrutturazione aziendale. "In Italia abbiamo molti problemi" ha detto poi Marchionne, "ma non chiuderemo impianti come dimostra l'investimento che abbiamo annunciato a Melfi". Il manager italo-canadese ha piuttosto parlato di un processo di "razionalizzazione". "Abbiamo fatto il possibile in termini di ristrutturazione considerate le circostanze".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Lavoro
Lavoro, Renzi: rivoluzionerò welfare con lavoro di cittadinanza
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech