giovedì 08 dicembre | 07:42
pubblicato il 10/mar/2014 20:46

Fiat: a Marchionne 3,6 mln di compenso, 900mila euro in meno del 2012

Fiat: a Marchionne 3,6 mln di compenso, 900mila euro in meno del 2012

(ASCA) - Torino, 10 mar 2014 - Nel 2013 Sergio Marchionne ha guadagnato tra compensi fissi e variabili 3,6 milioni di euro come Amministratore Delegato del Gruppo Fiat, circa 900 mila euro in meno rispetto al 2012. Con gli emolumenti di Cnh industrial, il compenso totale del top manager del Lingotto (che per Chrysler non riceve stipendi) e' di 5,7 milioni, 1,7 milioni in meno rispetto al 2012 guando guadagno' 7,4 milioni. E' quanto viene riportato sul sito del gruppo. Per la Fiat Marchionne ha ricevuto nel 2013 un compenso fisso complessivo di 2,3 milioni di euro. Il compenso variabile, a seguito del raggiungimento dei relativi obbiettivi, e' di 1,3 milioni. Secondo quanto previsto dal piano di incentivazione approvato dall'Assemblea degli azionisti il 4 aprile 2012, nel 2013 e' maturato in favore dell'Amministratore Delegato il diritto a ricevere 2,3 milioni di azioni Fiat. Tuttavia il beneficiario non ha ancora esercitato il relativo diritto e ad oggi non ha ricevuto alcuna azione in esecuzione di tale piano. Nel 2013 non vi e' stata alcuna variazione nelle stock option assegnate all'Amministratore Delegato in forza dei piani di incentivazione approvati nel 2004 e 2006. Come detto non e' riconosciuto alcun compenso per l'attivita' di Chief Executive Officer di Chrysler.

Nel 2013 sono state attribuite al Chief Executive Officer, in ragione della sua posizione di Consigliere di Amministrazione di Chrysler, delle ''restricted stock unit'' del valore teorico alla data dell'assegnazione di USD 200.000, che hanno lo scopo di assicurargli un trattamento equivalente a quello dei membri non esecutivi del Consiglio di Amministrazione. Tali diritti possono essere esercitati solo al momento della cessazione dalla carica e l'eventuale futuro effettivo realizzo sara' funzione della performance di Chrysler. Come Presidente esecutivo del Gruppo CNH Industrial a Marchionne e' stato riconosciuto nel 2013 un compenso fisso complessivo (che include quindi i compensi percepiti da CNH Global e Fiat industrial) di circa 1,3 milioni, in linea con il 2012. Il compenso variabile, a seguito del raggiungimento dei relativi obiettivi, e' stato di circa 0,8 milioni (1,6 milioni nel 2012). Il totale per il 2013 e' quindi di 2,1 milioni.

Secondo quanto previsto dal piano di incentivazione approvato dall'Assemblea degli azionisti di Fiat Industrial il 5 aprile 2012, nel 2013 e' maturato in favore del Presidente il diritto a ricevere 366.667 azioni CNH Industrial.

Il beneficiario non ha ancora esercitato il relativo diritto e pertanto ad oggi non ha ricevuto alcuna azione in esecuzione di tale piano.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Mps
Mps: Vigilanza Bce studia proroga fino a 31 gennaio
Banche
I 5 requisiti necessari a un eventuale "salva banche" con l'Esm
Banche
Ue multa Agricole, Hsbc e JPMorgan su cartello Euribor: 485 mln
L.Bilancio
L.Bilancio: Senato approva fiducia con 173 sì
Altre sezioni
Salute e Benessere
Robot indossabile ridà capacità di presa a persone quadriplegiche
Enogastronomia
Domenica 11 dicembre Cantine aperte a Natale
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni