martedì 28 febbraio | 02:46
pubblicato il 30/ago/2014 14:10

Ferrovie: Elia, fiducioso di poter sbloccare cantieri Napoli-Bari

(ASCA) - Venezia, 30 ago 2014 - E' fiducioso Michele Mario Elia, ad delle Ferrovie dello Stato, per quanto riguarda l'incarico commissariale ricevuto dal premier Renzi e in particolare di poter sbloccare i cantieri della Napoli-Bari e della Messina-Catania entro il mese di novembre 2015. ''Difficolta' ce ne sono tante e si lavorera' per rispettare costi, ambiente e per fare con i territori il giusto dialogo per realizzare l'opera, perche' non rappresenta il risultato per noi, ma uno strumento su cui costruire servizi, collegamenti, insomma miglioramenti per il territorio'' spiega. Con lo Sblocca Italia Elia e' stato nominato commissario straordinario per l'alta velocita' Napoli-Bari e per la ferrovia Messina-Catania, con l'intento di anticipare i tempi di realizzazione. Oggi l'amministratore delegato di Ferrovie Italiane ne ha parlato con i giornalisti a Venezia.

''Il Gruppo FS continua a ricevere attestazioni di qualita', di trasparenza e di efficacia. L'esperienza dell'Expo, dove siamo stati chiamati al coordinamento della direzione lavori insieme ad Italfer, ne e' un esempio - afferma -. Quella della mia nomina come commissario e' un'altra prova di fiducia verso il gruppo Fs. Il commissario, pero', deve anche avere strutture operative, amministrative, giuridiche, tecniche e contabili che gli consentano di operare. Quindi non e' una figura posta li' ed avulsa dalla realta' operativa e realizzativa. Quindi aver affidato questo incarico a Fs, che e' un po' piu' distaccato da RFI che e' il committente vero e da Italfer che e' il realizzatore, gia' questo da visibilita' di maggiore trasparenza del sistema, ma il commissario ha anche le strutture operative che gli consentiranno di portare avanti i progetti nel modo migliore''. Elia fa notare che oggi i tempi tra l'approvazione di un progetto preliminare e il momento in cui gli operai sono sul posto, vanno dai 3 ai 4 anni.

''Contestualmente - aggiunge - per poter approvare un progetto preliminare oggi ci chiedono di avere la disponibilita' finanziaria dell'intera opera, quindi si tratta di un qualcosa un po' complicato e problematico''.

Comunque, conclude, ''faremo un piano, dandoci per scadenza novembre 2015. Torneremo indietro per verificare tutte le operazioni da fare, chi le deve fare e con una struttura ad hoc costituita all'interno del gruppo''. fdm

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Alitalia
Alitalia: liquidità al limite, tagli potrebbero salire a 400 mln
Generali
Intesa SanPaolo vola in borsa dopo no a Generali: mercato approva
Ue
Regioni: Lombardia la più competitiva in Italia, 143esima in Ue
Borsa
In bilico fusione Lse-Deutsche Borse, nodo mercato titoli Stato
Altre sezioni
Salute e Benessere
Malattie rare, Scaccabarozzi: 560 farmaci in sviluppo nel mondo
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Premio Ercole Olivario, in gara 174 etichette da 17 Regioni
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
E.ON:Per 6 italiani su 10 ideale per la casa è l'energia solare
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Fisica, Masterclass: 3000 studenti alla scoperta delle particelle
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech