domenica 04 dicembre | 09:36
pubblicato il 07/mar/2016 17:01

Ferrovie, da Turchia a Iran imprese italiane a caccia di business

A fiera Eurasia Rail grandi e piccole aziende, da Fs a Dot System

Ferrovie, da Turchia a Iran imprese italiane a caccia di business

Istanbul (askanews) - Non sarà il canto del muezzin a richiamare in Oriente le tante imprese italiane attive nel settore ferroviario. Ma sicuramente i piani di investimento miliardari che paesi come la Turchia e l'Iran hanno in progetto per i prossimi anni. Per questo una nutrita pattuglia di aziende tricolori dal 3 al 5 marzo ha partecipato all'Eurasia Rail 2016, la terza fiera al mondo per l'industria dei treni. Grandi gruppi come le Fs e imprese più piccole come la brianzola Dot System, guidata dal presidente Luciano Scaccabarozzi.

"La Turchia - afferma Scaccabarozzi - dal punto di vista ferroviario è un paese in forte espansione, ma al tempo stesso ha un livello di maturità molto elevato con un'infrastruttura molto solida. Questo fa sì che i tempi di approntamento e realizzazione di nuovi progetti siano particolarmente rapidi, al livello dei paesi occidentali più evoluti".

Le difficoltà dell'economia e le tensioni politiche stanno un po' frenando lo sviluppo industriale, dopo anni di continua crescita. Ma gli italiani continuano a credere nel mercato turco e Dot System è tornata sul Bosforo per il secondo anno consecutivo, confidando nella chiusura di nuovi accordi. "Riscontriamo con favore la presenza di numerosi progetti di investimento nell'ambito ferroviario, in particolare per l'aspetto materiale rotabile. Anche se, di contro, constatiamo un rallentamento del piano di investimenti nell'alta velocità. Però in questa fiera abbiamo avuto la conferma che il piano comunque andrà avanti, con tempistiche più rilassate però verrà comunque attuato".

Se la Turchia è una realtà di business concreta, la nuova frontiera da conquistare è l'Iran. Il paese degli ayatollah ha lanciato un piano di investimenti in tutti i settori, in particolare nelle ferrovie, con 20 miliardi di dollari destinati alle infrastrutture. E Dot System ha già avviato contatti con gli iraniani, anche perchè la concorrenza internazionale sarà fortissima. "L'Iran - sottolinea il presidente - parte da una situazione che per chi investe è sicuramente ottimale, in quanto dispone di forti capitali e di un livello tecnologico e di infrastrutture ancora abbastanza arretrato. Laddove ci sono grossi investimenti sono presenti tutte le principali aziende mondiali, ormai a questo ci si è abituati. L'importante è essere presenti, essere pronti con prodotti tecnologicamente validi, con prezzi competitivi e giocare la propria battaglia".

Per affrontare questi mercati alle aziende, soprattutto quelle più piccole, servirebbe un sostegno più forte, da parte delle istituzioni e delle associazioni imprenditoriali. Perchè nello scoprire mondi nuovi le insidie e gli ostacoli possono essere tanti, e non bastano il coraggio e l'intraprendenza da esploratori su una moderna via della seta. "Le difficoltà commisurate alla nostra dimensione - conclude Scaccabarozzi - sono principalmente di natura legale, burocratica e procedurale. Quello di cui si ha bisogno è un supporto nel momento in cui vengono definiti i contratti, quindi un supporto di tipo legale, e ancora prima di tipo procedurale per capire come approcciare nel modo migliore il mercato".

Gli articoli più letti
Energia
Elettricità, Cgia: per piccole imprese la più cara in Eurozona
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari