sabato 21 gennaio | 17:22
pubblicato il 17/set/2014 16:38

Ferrovie: Camanzi, patrimonio pubblico no a vantaggi solo per alcuni

(ASCA) - Torino, 17 set 2014 - ''E' un tema che abbiamo ben presente, faremo una valutazione entro ottobre ma non adotteremo misure esplicite in merito''. Cosi' il presidente della Autorita' di regolazione dei trasporti Andrea Camanzi sulla separazione della rete ferroviaria-Rfi dalle Ferrovie in vista del prossimo provvedimento di regolazione del mercato ferroviario che Camanzi ha confermato sara' varato entro ottobre. ''La rete ferroviaria - ha aggiunto Camanzi in una conferenza stampa che ha tracciato il bilancio di un anno di attivita' dell'Authority - e' stata costruita con le tasse degli italiani. E' evidente che l'uso che se ne fara' dovra' valorizzare l'investimento fatto. E' un bene pubblico e non e' possibile che alcuni operatori la usino con vantaggi rispetto ad altri''.

eg-prs/rec

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Carrefour
Carrefour annuncia 500 esuberi e i sindacati preparano scioperi
Alimenti
Obbligo di indicazione di origine sui latticini: ecco il vademecum
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4