mercoledì 22 febbraio | 10:13
pubblicato il 21/ott/2015 07:01

Ferrari, oggi debutto a Wall Street, prezzo Ipo a 52 dollari

Si tratta della parte alta della forchetta. Boom domanda

Ferrari, oggi debutto a Wall Street, prezzo Ipo a 52 dollari

New York, 21 ott. (askanews) - Il prezzo di collocamento di Ferrari è stato fissato nella parte alta delle attese, segno della volontà degli investitori a spendere per un'azienda di lusso celebre per il suo marchio famosissimo. Quando oggi inizierà gli scambi al New York Stock Exchange con il simbolo "RACE", il titolo del Cavallino Rampante partirà secondo indiscrezioni da 52 dollari (la parte alta della forchetta che iniziava da 48 dollari).

L'operazione è vista come l'ennesima vittoria per Sergio Marchionne, l'amministratore delegato di Fiat Chrysler Automobiles (che controlla il gruppo di Maranello) nonché presidente di Ferrari. Essa tuttavia non sembra indicare una ripresa del mercato generale delle Ipo. Quella di Ferrari rappresenta sì la quarta maggiore Ipo americana del 2015 (e la più attesa dai tempi di quella di Alibaba), ma secondo le stime di Dealogic quello in corso è stato l'anno più debole dal 2010: quotandosi in Usa, 154 aziende hanno raccolto 32,5 miliardi di dollari. Il momento non è dei migliori, con molti gruppi che hanno deciso di posticipare il loro arrivo in Borsa.

La quotazione del gruppo di Maranello sfiora comunque una valutazione pari a 10 miliardi di dollari, per la precisione a 9,8 miliardi, ossia oltre tre volte i ricavi dello scorso anno pari a 2,8 miliardi di euro. Con la vendita di circa 17,2 milioni di titoli, quasi il 10% del capitale, Fca raccoglie intorno agli 893 milioni di dollari. I sottoscrittori hanno l'opzione di acquistare altri 1,7 milioni di titoli, che potrebbe portare nelle casse del gruppo auto nato dalla fusione tra il Lingotto e la Chrysler fino a 982 milioni. Si tratta di fondi utili al manager italo-canadese per ridurre il debito di Fca e finanziare il piano industriale al 2018.

Successivamente all'Ipo, se la cosiddetta greenshoe verrà esercitata, Fca ridurrà la sua partecipazione in Ferrari dal 90 all'80 per cento. Entro l'inizio del 2016, quando dovrebbe verificarsi lo scorporo di Ferrari, Fca intende distribuire ai suoi azionisti i restanti titoli del gruppo di Maranello. Piero Ferrari, figlio del fondatore della leggendaria azienda, Enzo, continuerà ad avere una quota del 10%. Dal canto suo Exor, la holding della famiglia Agnelli che controlla Fca, vanterà oltre il 40% dei diritti di voto.

Lo sbarco a Wall Street di Ferrari, scrive il Wall Street Journal, ha attratto l'interesse non solo di hedge fund e fondi comuni ma anche di investitori individuali, desiderosi di avere in portafoglio le azioni di un marchio leggendario, forse il più riconosciuto nel settore automobilistico, diventato famoso per gli innumerevoli successi nella Formula Uno.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Taxi
Taxi, Padoan: liberalizzazione va fatta ma con transizione dolce
Alitalia
Alitalia, sindacati disertano tavolo Assaereo su contratto
Moda
La moda porta a Milano 1,7 mld al mese, un terzo viene da estero
Toshiba
Toshiba vola in Borsa (+22%) su ipotesi vendita chip
Altre sezioni
Salute e Benessere
Percorso rapido per emergenze al Fatebenefratelli Roma
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Peroni Senza Glutine sul podio del World Gluten Free Beer Award
Turismo
Lourdes, destinazione turistica a 360 gradi
Energia e Ambiente
Energia, nanosfere di silicio per finestre fotovoltaiche economiche
Moda
Il business della Moda porta a Milano 1,7 miliardi al mese
Scienza e Innovazione
Elicotteri italiani AW-139 in Pakistan, nuovo ordine per Leonardo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Al via a Verona Transpotec: espositori in crescita + 20%