martedì 21 febbraio | 05:11
pubblicato il 11/giu/2015 19:23

Federnotai: ddl Guidi non favorisce concorrenza, ma competizione

Presidente Di Marco: banche puntano a prestazioni professionali

Federnotai: ddl Guidi non favorisce concorrenza, ma competizione

Roma, (askanews) - I notai sono sul piede di guerra contro il ddl concorrenza. "La ragione essenziale - ha spiegato il presidente di Federnotai Carmelo di Marco - è che in questo momento si descrive come una norma a favore della concorrenza, una norma che invece metterebbe in competizione funzioni diverse che invece sono regolate da norme completamente differenti. Sia per quanto riguarda l'accesso alle categorie professionali interessate, sia per quanto riguarda i controlli successivi".

Intervistato a Roma a margine del congresso intitolato "Concorrenza e liberalizzazioni: I notai a confronto con la collettività", e incentrato sul Ddl Concorrenza, che all'articolo 29 vede una norma che permetterà di rivolgersi anche a un avvocato per la compravendita di immobili non a uso abitativo e di valore catastale inferiore a 100.000 euro, di Marco ha spiegato: "Le banche in questo momento si stanno prefiggendo di includere le prestazioni professionali nell'ambito della loro offerta dei servizi e questo risulta abbastanza evidente leggendo il disegno di legge, laddove si mettano in collegamento fra loro la norma che consentirebbe l'ingresso di soci di capitale negli studi legali con la norma che impone all'avvocato autenticante la compravendita di stipulare una polizza assicurativa".

Secondo di Marco "lo scenario che si profila è quello di strutture finanziate dalla banche come soci di capitale nelle quali verranno impiegati avvocati con funzioni di autentica ma che aumenteranno essendo strutture di una delle parti le attuali situazioni di disparità nella forza contrattuale di chi vende e chi compra".

"La ragione essenziale è che in questo momento si descrive come una norma a favore della concorrenza, una norma che invece metterebbe in competizione funzioni diverse che invece sono regolate da norme completamente differenti. Sia per quanto riguarda l'accesso alle categorie professionali interessate, sia per quanto riguarda i controlli successivi".

"Le banche in questo momento si stanno prefiggendo di includere le prestazioni professionali nell'ambito della loro offerta dei servizi e questo risulta abbastanza evidente leggendo il disegno di legge, laddove si mettano in collegamento fra loro la norma che consentirebbe l'ingresso di soci di capitale negli studi legali con la norma che impone all'avvocato autenticante la compravendita di stipulare una polizza assicurativa: lo scenario che si profila è quello di strutture finanziate dalla banche come soci di capitale nelle quali verranno impiegati avvocati con funzioni di autentica ma che aumenteranno essendo strutture di una delle parti le attuali situazioni di disparità nella forza contrattuale di chi vende e chi compra".

Gli articoli più letti
Pensioni
Pensioni, Boeri: pensare a giovani, alcuni privilegi da rivedere
Alitalia
Alitalia, Delrio: ci sono problemi seri, siamo preoccupati
Alitalia
Alitalia, sindacati: sciopero confermato, governo convoca azienda
Conti pubblici
Padoan: da migliori previsioni no impatto su manovra correttiva
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ordini Medici: pubblicità sanitaria selvaggia è allarme sociale
Motori
BMW presenta la nuova Serie 5 berlina
Enogastronomia
Verona Fiere, Evoo Days, al via il primo forum per filiera olio
Turismo
Turismo, Alpitour amplia la rete su Andalusia e Costa del Sol
Energia e Ambiente
Premio ai Vigili del fuoco per i voli su Amatrice e Rigopiano
Moda
Moda New York, la donna bon ton secondo Carolina Herrera
Scienza e Innovazione
Onde gravitazionali, inaugurato a Cascina l'Advanced Virgo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Ibar, Usa e Cina ancora al top per i voli dall'Italia