sabato 03 dicembre | 03:47
pubblicato il 08/lug/2014 13:48

Federalberghi: Veneto, per Michielli troppo dipendenti dai tedeschi

(ASCA) - Roma, 8 lug 2014 - ''Troppo dipendenti dal mercato tedesco e austriaco, se si inceppa la splendida locomotiva tedesca per noi va malissimo: fino a prima della crisi del 2008 la ripartizione dei turisti nel Veneto registrava il 60% di presenze italiane e il 40% di stranieri. Adesso questo 60% e' come 'evaporato', siamo a circa il 20% di presenze di turisti italiani, e questi sono i numeri veri della crisi''.

''Stiamo tenendo i prezzi bloccati, ma nonostante questo siamo fuori mercato''. Il presidente di Federalberghi del Veneto Marco Michielli, spiega all'Asca che il settore e' sofferente e ''bisogna capire' se si vuole mantenere questo 'treno' che conta circa 30 mila piccoli alberghi''. In merito alle attese per la stagione estiva ''a maggio - dice - e' andata malino, ma con la Pentecoste a giugno il comparto ha registrato un mese 'ottimo' grazie proprio ai tedeschi e agli austriaci, purtroppo luglio e' risultato in ulteriore pesante flessione.

ram ---- (ASCA) - Roma, 8 lug 2014 - Gli albergatori del Veneto segnalano alcuni meno 20% di presenze, altri meno 15%, uno addirittura meno 40%. E' vero - afferma Michielli - che il mercato non e' mai stato molto omogeneo, ma il mercato del Veneto rappresenta ben il 20% di tutto il settore italiano.

Siamo costretti a confrontarci con mete turistiche come Sharm el Sheikh, dove un cameriere guadagna 220 dollari, un decimo che in Italia, con la Turchi o con Malta''.

La ''Turchia - prosegue - era arrivata ad avere i prezzi quasi vicini ai nostri, poi ha svalutato la moneta del 30% circa, e quest'anno sara' invasa dai Russi, perche' anche loro hanno svalutato il rublo di quasi il 30%, equindi per i Russi andare in vacanza in Turchia sara' come restare a casa da un punto di vista della spesa per la villeggiatura. Siamo fuori mercato. Lo stato ci dia una mano tutelando gli imprenditori che pagano le tasse''. E a proposito degli Agriturismi che nel Veneto sono solo il 2% dei posti letto, e dei bed and breakfast Michielli dice che bisogna combattere il sommerso: se si propone un bed and breakfast a Venezia sul Canal Grande a 80 euro, poi bisogna che il titolare paghi anche le tasse e sia in regola con le ricevute fiscali. Ci sono troppi imprenditori 'border line' nel nostro settore, osserva Michielli.

ram

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Banche
Banche: stop Consiglio Stato a riforma popolari, rinvio Consulta
Mps
Mps, adesioni a conversione bond superano 1 miliardo
Italia-Russia
Putin a Pietroburgo inaugura alta velocità, dopo visita Renzi
Eni
Eni: cessato allarme incendio nella raffineria di Sannazzaro
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari