lunedì 16 gennaio | 16:21
pubblicato il 08/lug/2014 13:48

Federalberghi: Veneto, per Michielli troppo dipendenti dai tedeschi

(ASCA) - Roma, 8 lug 2014 - ''Troppo dipendenti dal mercato tedesco e austriaco, se si inceppa la splendida locomotiva tedesca per noi va malissimo: fino a prima della crisi del 2008 la ripartizione dei turisti nel Veneto registrava il 60% di presenze italiane e il 40% di stranieri. Adesso questo 60% e' come 'evaporato', siamo a circa il 20% di presenze di turisti italiani, e questi sono i numeri veri della crisi''.

''Stiamo tenendo i prezzi bloccati, ma nonostante questo siamo fuori mercato''. Il presidente di Federalberghi del Veneto Marco Michielli, spiega all'Asca che il settore e' sofferente e ''bisogna capire' se si vuole mantenere questo 'treno' che conta circa 30 mila piccoli alberghi''. In merito alle attese per la stagione estiva ''a maggio - dice - e' andata malino, ma con la Pentecoste a giugno il comparto ha registrato un mese 'ottimo' grazie proprio ai tedeschi e agli austriaci, purtroppo luglio e' risultato in ulteriore pesante flessione.

ram ---- (ASCA) - Roma, 8 lug 2014 - Gli albergatori del Veneto segnalano alcuni meno 20% di presenze, altri meno 15%, uno addirittura meno 40%. E' vero - afferma Michielli - che il mercato non e' mai stato molto omogeneo, ma il mercato del Veneto rappresenta ben il 20% di tutto il settore italiano.

Siamo costretti a confrontarci con mete turistiche come Sharm el Sheikh, dove un cameriere guadagna 220 dollari, un decimo che in Italia, con la Turchi o con Malta''.

La ''Turchia - prosegue - era arrivata ad avere i prezzi quasi vicini ai nostri, poi ha svalutato la moneta del 30% circa, e quest'anno sara' invasa dai Russi, perche' anche loro hanno svalutato il rublo di quasi il 30%, equindi per i Russi andare in vacanza in Turchia sara' come restare a casa da un punto di vista della spesa per la villeggiatura. Siamo fuori mercato. Lo stato ci dia una mano tutelando gli imprenditori che pagano le tasse''. E a proposito degli Agriturismi che nel Veneto sono solo il 2% dei posti letto, e dei bed and breakfast Michielli dice che bisogna combattere il sommerso: se si propone un bed and breakfast a Venezia sul Canal Grande a 80 euro, poi bisogna che il titolare paghi anche le tasse e sia in regola con le ricevute fiscali. Ci sono troppi imprenditori 'border line' nel nostro settore, osserva Michielli.

ram

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Alitalia
Alitalia, Calenda: no a nuova rinazionalizzazione
Fca
Fca, Calenda: Berlino si occupi di Volkswagen
Luxottica
Luxottica ed Essilor verso fusione, Luxottica vola in borsa (+13%)
Luxottica
Luxottica si unisce a Essilor, nasce leader prodotti per la vista
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute: nuovi Lea in arrivo. In vigore dopo pubblicazione su G.U.
Motori
Kawasaki al Motor Bike Expo di Verona dal 20 al 22 gennaio
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella, conto alla rovescia Anteprima Amarone
Turismo
A Singapore la gara di Danza del leone, caccia i cattivi spiriti
Energia e Ambiente
L'Enel porta energia "verde" all'ambasciata italiana di Abu Dhabi
Moda
Milano Moda uomo, i quadri viventi di Antonio Marras
Scienza e Innovazione
Rompicapo galattico per telescopio Hubble
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Milano, mobilità sempre più ecosostenibile DriveNow