martedì 06 dicembre | 13:39
pubblicato il 24/mar/2016 17:42

Fca, Storchi: ci vorrà tempo prima che rientri in Confindustria

Pres. Federmeccanica ad Askanews: "Parliamo spesso con azienda"

Fca, Storchi: ci vorrà tempo prima che rientri in Confindustria

Roma, 24 mar. (askanews) - Il rientro della Fiat in Confidustria? "Purtroppo temo che ci vorrà ancora molto tempo". Il Presidente di Federmeccanica, Fabio Storchi ammette con rammarico che il tempo in cui la Fiat rientrerà nel sistema confindustriale non è ancora arrivato.

"Parliamo con la Fiat molto spesso - ha spiegato Storchi ad Askanews -, anche ieri abbiamo parlato ma prima che l'azienda rientri purtoppo passerà ancora molto tempo".

La Fiat è uscita da Confindustria e da Federmeccanica il primo gennaio del 2012. L'amministratore delegato del gruppo, Sergio Marchionne aveva annunciato la decisione con una lettera all'allora presidente degli industriali, Emma Marcegaglia, inviata nel mese di ottobre dell'anno precedente. Marchionne aveva motivato la scelta riferendosi "all'accordo interconfederale del 28 giugno, di cui Confindustria è stata promotrice, ma soprattutto all'approvazione da parte del Parlamento dell'articolo 8 che prevede importanti strumenti di flessibilità oltre all'estensione della validità dell'accordo interconfederale ad intese raggiunte prima del 28 giugno".

In sostanza con la decisione di uscire l'ad di Fca voleva avere mano libera nella gestione dei rapporti sindacali, senza tener conto degli accordi fatti da Confindustria. Marchionne voleva applicare in pieno le possibilità offerte dall'art.8, che gli consentono di derogare ampiamente alle norme previste dai contratti nazionali collettivi di lavoro.

A distanza di quattro anni il nodo resta sempre la contrattazione di primo e di secondo livello. Nella trattativa per il rinnovo del contratto metalmeccanico, Federmeccanica vuole fissare i minimi salariali uguali per tutti ma senza la possibilità di adeguamenti nel tempo, derogando di fatto gli aumenti o i premi alla contrattazione aziendale. Una pratica che Fca ormai, appunto da quattro anni, applica.

Un accordo in tal senso con i sindacati porrebbe Federmeccanica in una posizione di forza permettendo un allineamento anche delle altre aziende di settore alla Fiat e questo potrebbe porre le basi per un rientro di Fca nel sistema. Forse per questo Storchi pensa che passerà ancora molto tempo.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Borsa
Vittoria No non spaventa la Borsa (-0,21%) ma banche vanno giù
L.Bilancio
L.Bilancio, Dijsselbloem: ora impossibile chiedere misure extra
Governo
Governo, Cgil: elezioni anticipate pericolosa fuga in avanti
Cnel
Referendum, Napoleone: popolo ha riconosciuto il ruolo del Cnel
Altre sezioni
Salute e Benessere
Airc finanzia ricerca per migliorare diagnosi noduli alla tiroide
Enogastronomia
Mantegna contro Margherita: la pizza cambia nome e si veste d'arte
Turismo
Ponte Immacolata, per un italiano su due hotel è luogo dolce vita
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Luci di Natale: come smaltire quelle vecchie e tutelare l'ambiente
Scienza e Innovazione
AsiaHaptics 2016, Università di Siena premiata per guanto robotico
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni