domenica 11 dicembre | 11:32
pubblicato il 23/lug/2014 18:17

Fca: la nuova vita di Mirafiori, ex magazzino diventa centro direzionale

(ASCA) - Torino, 23 lug 2014 - A pochi giorni dall'ufficializzazione della Fca, con la fusione di Fiat e Chrysler, Sergio Marchionne e John Elkann danno un nuovo segnale su Torino, inaugurando a Mirafiori 'Officina 82', un centro direzionale, per dimostrare che al di la' della dimensione globale, al di la' del trasferimento oltre frontiera della sede legale (Amsterdam) e di quella fiscale (Londra) il legame con la citta' di origine della casa automobilistica non si spezza. E intanto Marchionne annuncia che per Mirafiori l'investimento e' in corso: ''Ci stiamo attrezzando''.

''Con l'inaugurazione di oggi - ha detto questa mattina il presidente di Fiat Elkann - inizia ufficialmente la seconda vita di questo luogo''. La grande fabbrica non esiste piu'. E anche se verranno rivitalizzate le linee un tempo dedicate alle utilitarie e in futuro al polo del lusso, l'immensa citta' della Fiat compresa nel quadrilatero tra corso Tazzoli, corso Agnelli, via Plava e corso Orbassano, nell'area di Torino sud si e' ridimensionata in modo irreversibile. Ma dopo decenni durante i quali l'unica soluzione e' stata quella di ritirarsi e mettere i lucchetti alle aree dismesse, da qualche anno anche qui qualcosa sta cambiando. I primi interventi nel 2005, ricorda l'ad Marchionne, arrivato soltanto l'anno prima, con il Motor village e l'asilo per i figli dei dipendenti, poi il Centro Stile, le sedi dell'Abarth, e della New Holland. Oggi l'ultimo tassello, la nascita in quello che una volta era il magazzino ricambi, nell'area della Meccanica 2 che da' su via Plava, di 'Officina 82' che raccoglie l'eredita' e gli oltre 1500 impiegati della sede della Fiat Services di corso Ferrucci (paghe e servizi per gli uffici) venduta nel 2002 e il cui contratto d'affitto scade a fine anno. Un nuovo habitat per il quale e' stato necessario un anno di lavori, con giardini e cortili interni, aree verdi a vista per ogni ufficio, rete di teleriscaldamento connessa alla centrale dello stabilimento di Mirafiori, illuminazione a led con cui si risparmia la meta'. E poi mensa e servizi come bancomat e assicurazioni. L'obiettivo, spiega Elkann e' ''accompagnare l'evoluzione di Mirafiori collocando attorno all'attivita' industriale altre attivita' sempre collegate al mondo dell'automobile''. Un intervento, afferma Elkann, che conferma ''l'importanza di Torino per Fiat-Chrysler'', ''L'obiettivo era e resta quello di mantenere tutte queste attivita' a Torino'', nonostante ''le tante alternative che esistono per un'azienda globale come la Fiat di oggi, e di concentrarle nelle aree di Mirafiori''.

''E' l'ulteriore conferma di come Torino sia strategica per la Fiat - ha commentato il sindaco di Torino, Piero Fassino -. Un gruppo globale ha bisogno di radici e a Torino ha radici forti, lo dimostrano l'investimento a Mirafiori ma anche questo nuovo insediamento tecnico''. eg/sam/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Francia
Francia, è penuria di tartufi e i prezzi volano alle stelle
Petrolio
Scatta la prima stretta globale all'offerta di petrolio da 15 anni
Brexit
Dijsselbloem dice che dalla Brexit non nascerà una nuova "City" Ue
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
All'Isola della Sostenibilità il mondo dell'economia circolare
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Le tecnologie spaziali che aiutano la sostenibilità
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina