venerdì 20 gennaio | 11:10
pubblicato il 25/giu/2013 17:54

Export: vola l'export verso Unione doganale ex Urss

(ASCA) - Roma, 25 giu - Volano gli scambi tra Italia e Unione doganale Russia, Bielorussia e Kazakistan nel primo trimestre di quest'anno. La crescita del business con la nuova ''troika commerciale' asiatica (assieme Russia, Bielorussia e Kazakistan rappresentano l'83% del potenziale economico dell'ex Urss) - secondo l'analisi del Centro studi di Intesa Sanpaolo su base Istat - e' infatti del 5% per un valore che supera i 9 miliardi di euro e addirittura del 14% (8 mld di euro) nell'interscambio con la sola Russia. Buona la performance registrata anche sul fronte degli investimenti esteri diretti italiani (IDE) che nel 2011 hanno totalizzato la quota di 4,4 mld di euro raggiunta, in primis, da 750 imprese italiane operative in Eurasia.

Ma l'Unione doganale tra i 3 Paesi (a cui partecipano dal 29 maggio scorso anche Ucraina e Kyrgystan in qualita' di paesi osservatori) e' per le imprese italiane un'enorme chance commerciale in parte ancora inespressa, nonostante la crescita del 50% negli ultimi 5 anni. E' questo il tema del seminario previsto per domani a Roma, al Tempio di Adriano (ore 9-14), organizzato dall'Associazione Conoscere Eurasia e da Network Globale, Agenzia per l'internazionalizzazione, in collaborazione con Intesa Sanpaolo, Banca Intesa Russia, Studio Carnelutti e con il sostengo dell'Ice. L'Unione doganale rappresenta, cosi', un'autentica rivoluzione per il suo principale partner, l'Europa (con cui vanta il 60% degli scambi commerciali globali) e per l'Italia - al terzo posto tra i Paesi Ue dietro a Germania e Olanda - che nel 2012 ha fatto affari per 34,4mld di euro. L'area in questione, che conta complessivamente 180mln di abitanti e un Pil complessivo da 2 trilioni di dollari, riflette un nuovo possibile eldorado per il nostro export. Oltre alle crescenti relazioni con la Russia, infatti, sono enormi le potenzialita' offerte dal ponte strategico a costo zero con gli altri 2 Paesi. Nel Kazakistan, destinato ad entrare nella top 5 mondiale tra i produttori petroliferi, gli scambi commerciali si sono sestuplicati nell'ultimo decennio, con l'Italia maggior partner commerciale Ue grazie a una quota del 13% sul totale degli scambi. Ma il nuovo hub strategico per le ventimila imprese nostrane impegnate nelle esportazioni verso i 3 Paesi eurasiatici e' soprattutto un ponte fondamentale per raggiungere il completo sodalizio commerciale tra l'Unione Europea e quella eurasiatica, con l'attesa Unione economica eurasiatica, prevista a partire del 2015.

Per il presidente dell'Associazione Conoscere Eurasia e di Banca Intesa Russia, Antonio Fallico ''la crescita registrata negli ultimi anni non deve trarre in inganno: i valori potenziali del nostro made in Italy sono molto maggiori e solo parzialmente espressi. Sullo scacchiere del mercato globale si e' affacciato, con l'Unione doganale, un nuovo soggetto geo-politico-economico che sollecita ora nuove opportunita' di crescita per le imprese italiane che sapranno raccogliere la sfida intraprendendo partnership con le realta' eurasiatiche''. Per Claudia Bugno, Consigliere di Network Globale, Agenzia per l'internazionalizzazione ''in uno scenario di recessione che ha colpito il Lazio negli ultimi anni e che e' destinato a durare anche nei prossimi mesi, i dati mostrano che l'export continua ad essere l'unica variabile positiva dell'economia regionale. La Federazione Russa e l'Unione doganale rappresentano un'opportunita' importante per le imprese, un'area strategica per disponibilita' di risorse e possibilita' di crescita''.

Al Tempio di Adriano intervengono, tra gli altri, il ministro dell'Integrazione e della Macroeconomia della Commissione Economica Eurasiatica, Tatjana Valovaja; il Segretario di Stato Russia-Bielorussia, Grigory Rapota; il consigliere del Presidente della Federazione Russa, Sergey Glaziev; l'Ambasciatore della Repubblica Bielorussa a Roma, Evgeny Shestakov; il ministro consigliere dell'Ambasciatore della Federazione Russa a Roma, Dmitry Shtodin e il vicedirettore primo dipartimento per le relazioni con i Paesi CIS, Ministero Affari Esteri della Federazione Russa, Dmitry Poljanskij.

red/did/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Ilva
Ilva, Laghi: in 2016 produzione +23% con 5,8 mln tonnellate
Bce
Bce conferma a zero principale tasso di interesse dell'area euro
Poste
Poste, Caio: società privatizzata ma resta missione sociale
Terremoti
Terremoto, Juncker: Ue pronta a mobilitare tutti i suoi strumenti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella: in Usa il 10% della produzione di Amarone
Turismo
Da Bookingfax una App per riportare turisti in Agenzia di viaggio
Energia e Ambiente
Ambientalisti italiani in piazza per Trump
Moda
Moda, dopo Milano Brandamour apre uno show room anche a New York
Scienza e Innovazione
Alibaba diventa partner delle Olimpiadi fino al 2028
TechnoFun
Italiaonline si conferma prima internet company italiana
Sistema Trasporti
TomTom City, la piattaforma monitora il traffico in tempo reale