domenica 04 dicembre | 05:31
pubblicato il 13/mag/2014 13:48

Expo, le SOA: attenti a cambiare nella valutazione delle imprese

Rischiosa e costosa in tempi di spending review

Expo, le SOA: attenti a cambiare nella valutazione delle imprese

Roma, (askanews) - Le SOA. Scietà organisimi di attestazione, mettono in guardia il governo, dal modificare il sistema degli organismi di qualificazione delle imprese, perchè il problema - come dimostra la vicenda dell'EXPO 2015, è il sistema di aggiudicazione degli appalti, ancora oggi vulnerabile.Gabriele Sabatosanti Scarpelli, presidente di Unionsoa: "L'esempio di Expo determina il fatto che oggi esiste un contesto in cui facilmente si possono individuare sistemi di corruzione, L'idea di trasferire anche la funzione della qualificazione in un contesto di questo genere significa ampliare le problematiche di rischio".In particolare è rischiosa e costosa l'idea di qualificare le imprese gara per gara. Antonio Bargone, presidente onorario UnionSoa. "Tornare ad una qualificazione gara per gara è in questo momento fuori tempo e fuori luogo, In tempi di spending review provocherebbe per la pubblica amministrazione dei costi insostenibile. E si tornerebbe ad una precarietà nella qualificazione delle imprese che porterebbe a situazioni come quelle che si sono verificite nel caso dell'Expò"

Gli articoli più letti
Energia
Elettricità, Cgia: per piccole imprese la più cara in Eurozona
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari