lunedì 05 dicembre | 13:49
pubblicato il 03/giu/2014 18:52

Expo 2015, verso norme anticorruzione in prossimo cdm

Senza far ritardare i lavori

Expo 2015, verso norme anticorruzione in prossimo cdm

Roma, (askanews) - Per escludere gli imprenditori indagati, senza però ritardare i lavori di Expo 2015, potrebbe essere necessario un decreto legge apposito che potrebbe essere discusso nel Consiglio dei Ministri di venerdì. Il decreto dovrebbe contenere alcune norme per velocizzare i lavori in preparazione all Expo e l affidamento di nuovi poteri di controllo a Raffaele Cantone, presidente dell Autorità nazionale anti corruzione. Se ne è discusso in oltre un'ora e mezza di faccia a faccia tra il presidente del Consiglio Matteo Renzi e il commissario del governo per Expo 2015, Giuseppe Sala. Al termine dell'incontro a palazzo Chigi, Sala non ha voluto rilasciare alcuna dichiarazione, salvo dirsi "sempre positivo" rispetto alla situazione.Il nodo da sciogliere riguarda appunto i poteri di controllo da affidare a Raffaele Cantone, per affrontare i problemi nati dalle inchieste giudiziarie sugli appalti.

Gli articoli più letti
Cambi
Cambi, euro in calo sul dollaro ai minimi da 21 mesi
Titoli di Stato
Il rendimento del Btp 10 anni torna sopra il 2%
Pil
Pil, Istat: verso stabilizzazione ritmo di crescita dell'economia
Ferrero
Ferrero si 'mangia' i biscotti belgi Delacre
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Festa a Roma con Heinz Beck per i 30 anni del Gambero Rosso
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari