lunedì 20 febbraio | 12:52
pubblicato il 03/giu/2014 18:52

Expo 2015, verso norme anticorruzione in prossimo cdm

Senza far ritardare i lavori

Expo 2015, verso norme anticorruzione in prossimo cdm

Roma, (askanews) - Per escludere gli imprenditori indagati, senza però ritardare i lavori di Expo 2015, potrebbe essere necessario un decreto legge apposito che potrebbe essere discusso nel Consiglio dei Ministri di venerdì. Il decreto dovrebbe contenere alcune norme per velocizzare i lavori in preparazione all Expo e l affidamento di nuovi poteri di controllo a Raffaele Cantone, presidente dell Autorità nazionale anti corruzione. Se ne è discusso in oltre un'ora e mezza di faccia a faccia tra il presidente del Consiglio Matteo Renzi e il commissario del governo per Expo 2015, Giuseppe Sala. Al termine dell'incontro a palazzo Chigi, Sala non ha voluto rilasciare alcuna dichiarazione, salvo dirsi "sempre positivo" rispetto alla situazione.Il nodo da sciogliere riguarda appunto i poteri di controllo da affidare a Raffaele Cantone, per affrontare i problemi nati dalle inchieste giudiziarie sugli appalti.

Gli articoli più letti
Kraft-Unilever
Kraft Heinz rinuncia a offerta acquisto Unilever
Consumi
Cresce la fiducia, 1 italiano su 5 pronto a fare acquisti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ordini Medici: pubblicità sanitaria selvaggia è allarme sociale
Motori
BMW presenta la nuova Serie 5 berlina
Enogastronomia
"Benvenuto Brunello" Guida Rossa Michelin firma piastrella 2016
Turismo
Turismo, Alpitour amplia la rete su Andalusia e Costa del Sol
Energia e Ambiente
Premio ai Vigili del fuoco per i voli su Amatrice e Rigopiano
Moda
Moda New York, la donna bon ton secondo Carolina Herrera
Scienza e Innovazione
CubSat, attivo primo laboratorio spaziale sperimentale
TechnoFun
Amazon, a tempo di record i lavori per nuovo centro vicino Roma
Sistema Trasporti
Ibar, Usa e Cina ancora al top per i voli dall'Italia