lunedì 16 gennaio | 14:04
pubblicato il 10/feb/2014 13:05

Expo 2015: Squinzi, sconta ritardi su infrastrutture

(ASCA) - Milano, 10 feb 2014 - L'Expo e' in ritardo sul fronte delle infrastrutture. Parola del presidente di Confindustria, Giorgio Squinzi, che durante il suo intervento alla Mobility Conference si e' soffermato sui ritardi che rischiano di ripercuotersi sull'Esposizione Universale di Milano. ''Sul fronte delle infrastrutture - ha messo in chiaro il numero uno di Viale dell'Astronomia - sembra scontare ritardi, tra responsabilita' regolatorie poco chiare, contenzioni amministrativi e difficolta' di reperire tutte le risorse, con il rischio di rendere difficile l'accesso ai siti espositivi''.

Percio' ''dobbiamo fare il massimo per portare a termine gli interventi previsti, perche' le opere infrastrutturali legale all'evento avranno un impatto nell'immediato, ma anche sul lungo periodo, in termini di occupazione, di mobilito', di potenziamento della logistica dell'area, con un beneficio per la Lombardia e, di conseguenza, per l'Italia tutta''. fcz/cam

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Alitalia
Alitalia, Calenda: no a nuova rinazionalizzazione
Fca
Fca, Calenda: Berlino si occupi di Volkswagen
Luxottica
Luxottica ed Essilor verso fusione, Luxottica vola in borsa (+13%)
Luxottica
Luxottica si unisce a Essilor, nasce leader prodotti per la vista
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute: nuovi Lea in arrivo. In vigore dopo pubblicazione su G.U.
Motori
Trump avverte Merkel su commercio: troppe Mercedes negli Usa
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella, conto alla rovescia Anteprima Amarone
Turismo
On line il sito del Fondo Astoi a tutela dei viaggiatori
Energia e Ambiente
Energia, Bellanova: Italia con Enea all'avanguardia internazionale
Moda
Milano Moda uomo, i quadri viventi di Antonio Marras
Scienza e Innovazione
Spazio, lanciato razzo di SpaceX dopo l'esplosione di settembre
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Anas: nel 2016 traffico in crescita, su tutta la rete +2,45%