venerdì 20 gennaio | 15:24
pubblicato il 20/set/2013 15:47

Expo 2015: Sbarra (Cisl), richieste delle imprese inaccettabili

(ASCA) - Roma, 20 set - ''L'approccio del sindacato sul negoziato Expo e' stato dall'inizio quello di cercare un giusto equilibrio che cogliesse le esigenze delle imprese ma anche quelle di tutela dei lavoratori''. Lo dichiara in una nota il Segretario confederale della Cisl, Luigi Sbarra, al termine dell'incontro tenutosi oggi tra il ministro del welfare, Giovannini e le parti sociali sull'Expo 2015.

''Le richieste dei datori di lavoro - continua Sbarra - riguardano un contratto a tempo determinato per 24 mesi, applicato in maniera indistinta e generica su tutto il territorio nazionale, senza causale, sganciato da vincoli contrattuali e da confronto sindacale, privo di una forma di compensazione che alzi le retribuzioni , la contribuzione e la formazione dei lavoratori, a fronte della richiesta di maggiore flessibilita'.Tutto cio' per la Cisl e' inaccettabile e rasenta l'irragionevolezza. Abbiamo, al contrario, con grande senso di responsabilita', proposto la soluzione di delimitare il perimetro di applicazione dell'intesa al progetto di Masterplan su cui sta lavorando il Governo e che dovra' essere declinato nel progetto 'Agenda Italia' ed offerto la disponibilita' a discutere di una forma di apprendistato breve, di durata di 24 mesi, da destinare agli over 29, corredato da un pacchetto formativo minimo ed incentivato se destinato ad occupazione incrementale, accompagnando l'utilizzo della tipologia con maggiori quote di salario e di contribuzione per i lavoratori, fortemente ancorato alla contrattazione''.

''Non vorremmo che l'atteggiamento di indisponibilita' dei datori di lavoro al confronto di merito con il sindacato nascondesse il desiderio di affidare al Governo l'iniziativa di assumere in modo unilaterale una normativa piegata sugli interessi delle aziende - prosegue il sindacalista -. La Cisl, in questa spiacevole eventuale situazione, esercitera' fino in fondo la sua contrarieta' ed assumera' iniziative adeguate. Nel riconfermare la disponibilita' al dialogo ed al confronto, daremo il nostro contributo ai tavoli tecnici preannunciati oggi dal Ministro Giovannini e finalizzati alla ricerca di una soluzione condivisa''. ''Apprezziamo la disponibilita' del Ministro su questo percorso - conclude Sbarra - ed il fatto che abbia richiamato alcuni elementi per noi sensibili, tra i quali la necessaria formazione sostanziale e le compensazioni per i lavoratori a fronte delle maggiori flessibilita'''.

com-sen/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Poste
Poste, Caio: società privatizzata ma resta missione sociale
Ibm
Ibm archivia il 19esimo trimestre di fila con ricavi in calo
Alitalia
Alitalia, Messina: da tutti c'è volontà di risolvere situazione
Ue
Antonio Fazio: disoccupazione e povertà grandi mali d'Europa
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda, dopo Milano Brandamour apre uno show room anche a New York
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
A Unidata gara per frequenze reti radio a larga banda
Sistema Trasporti
Delrio: "Proporrò sconti sugli abbonamenti del trasporto locale"