martedì 28 febbraio | 12:11
pubblicato il 20/set/2013 15:47

Expo 2015: Sbarra (Cisl), richieste delle imprese inaccettabili

(ASCA) - Roma, 20 set - ''L'approccio del sindacato sul negoziato Expo e' stato dall'inizio quello di cercare un giusto equilibrio che cogliesse le esigenze delle imprese ma anche quelle di tutela dei lavoratori''. Lo dichiara in una nota il Segretario confederale della Cisl, Luigi Sbarra, al termine dell'incontro tenutosi oggi tra il ministro del welfare, Giovannini e le parti sociali sull'Expo 2015.

''Le richieste dei datori di lavoro - continua Sbarra - riguardano un contratto a tempo determinato per 24 mesi, applicato in maniera indistinta e generica su tutto il territorio nazionale, senza causale, sganciato da vincoli contrattuali e da confronto sindacale, privo di una forma di compensazione che alzi le retribuzioni , la contribuzione e la formazione dei lavoratori, a fronte della richiesta di maggiore flessibilita'.Tutto cio' per la Cisl e' inaccettabile e rasenta l'irragionevolezza. Abbiamo, al contrario, con grande senso di responsabilita', proposto la soluzione di delimitare il perimetro di applicazione dell'intesa al progetto di Masterplan su cui sta lavorando il Governo e che dovra' essere declinato nel progetto 'Agenda Italia' ed offerto la disponibilita' a discutere di una forma di apprendistato breve, di durata di 24 mesi, da destinare agli over 29, corredato da un pacchetto formativo minimo ed incentivato se destinato ad occupazione incrementale, accompagnando l'utilizzo della tipologia con maggiori quote di salario e di contribuzione per i lavoratori, fortemente ancorato alla contrattazione''.

''Non vorremmo che l'atteggiamento di indisponibilita' dei datori di lavoro al confronto di merito con il sindacato nascondesse il desiderio di affidare al Governo l'iniziativa di assumere in modo unilaterale una normativa piegata sugli interessi delle aziende - prosegue il sindacalista -. La Cisl, in questa spiacevole eventuale situazione, esercitera' fino in fondo la sua contrarieta' ed assumera' iniziative adeguate. Nel riconfermare la disponibilita' al dialogo ed al confronto, daremo il nostro contributo ai tavoli tecnici preannunciati oggi dal Ministro Giovannini e finalizzati alla ricerca di una soluzione condivisa''. ''Apprezziamo la disponibilita' del Ministro su questo percorso - conclude Sbarra - ed il fatto che abbia richiamato alcuni elementi per noi sensibili, tra i quali la necessaria formazione sostanziale e le compensazioni per i lavoratori a fronte delle maggiori flessibilita'''.

com-sen/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Generali
Intesa SanPaolo vola in borsa dopo no a Generali: mercato approva
Ue
Regioni: Lombardia la più competitiva in Italia, 143esima in Ue
Piaggio
Piaggio accelera: nel 2016 utile sale a 14 milioni (+18,3%)
Ilva
Ilva: accordo per Cigs, coinvolti 3.300 lavoratori
Altre sezioni
Salute e Benessere
Malattie rare, Scaccabarozzi: 560 farmaci in sviluppo nel mondo
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Premio Ercole Olivario, in gara 174 etichette da 17 Regioni
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
E.ON:Per 6 italiani su 10 ideale per la casa è l'energia solare
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
SpaceX invierà due turisti spaziali attorno alla Luna a fine 2018
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech