martedì 24 gennaio | 20:51
pubblicato il 30/lug/2013 19:39

Expo 2015: Cgil, no a nuova flessibilita'

(ASCA) - Roma, 30 lug - Premesso che e' necessario fare tutto quello che e' possibile per aumentare l'occupazione e cogliere ogni occasione di crescita, l'Expo 2015 non puo' rappresentare un rito magico per dissolvere tutti i vincoli.

E' la posizione dei Segretari Confederali della CGIL, Fabrizio Solari e Serena Sorrentino, espressa oggi al tavolo sull'Expo 2015 nel corso dell'incontro tra governo e parti sociali. Un appuntamento nel corso del quale la CGIL ha ribadito che qualsiasi soluzione deve essere trovata nell'ambito della contrattazione tra le parti sociali, escludendo cosi' ancora una volta qualsiasi intervento legislativo di deregolamentazione del mercato del lavoro e rinviando ogni discussione di merito al confronto tra le parti.

La CGIL ha sottolineato con forza che per creare maggiore occupazione e cogliere tutte le occasioni di crescita disponibili e' necessario un impegno da parte di tutti, a cominciare dal governo che deve esplicitare qual e' l'impegno complessivo, anche e soprattutto in termini di risorse, delle istituzioni su Expo 2015. Anche le stesse imprese devono mostrare le loro vere intenzioni e i loro impegni, per esempio in termini di maggiori investimenti, e non limitarsi esclusivamente ad un elenco di rivendicazioni sulla flessibilita'. Insomma servono soluzioni puntuali a situazioni definite; per questo la CGIL ha confermato la propria disponibilita' a proseguire il tavolo: ogni occasione va colta purche' sia sfruttata per creare nuova occupazione e non per concedere sconti alle imprese sulla nuova occupazione che si creerebbe in ogni caso. Il sindacato di corso d'Italia ha ribadito la propria disponibilita' a lavorare sull'apprendistato breve come tipologia che, nell'ambito dei Contratti collettivi nazionali di lavoro, puo' rispondere all'eccezionalita' di Expo, estendendo le attuali previsioni; ed ha confermato la non percorribilita' di ulteriori manomissioni ai contratti a termine. La CGIL ha apprezzato infine la posizione assunta dal ministro Giovannini che ha respinto qualsiasi ipotesi di favorire intese sul demansionamento, cosi' come accennato dalle imprese. Richieste che nulla hanno a che fare con la specificita' dell'Expo 2015. Il ministro ha inoltre confermato la richiesta del governo alle parti sociali di giungere ad un accordo entro il 15 settembre. Nei prossimi giorni proseguira' il confronto tra le parti, a partire dall'incontro fissato per giovedi' 1* agosto. com/rf

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Usa
Trump vede produttori auto, anche Marchionne, e promette "spinta"
Generali
Battaglia su Generali infiamma titolo, vola Mediobanca
Taxi
Faro Antitrust su radio taxi, al via due istruttorie
Aeroporti
Aeroporti, Enac: nei prossimi 5 anni investimenti per 4,2 mld
Altre sezioni
Salute e Benessere
Al via Peter Baby Bio, progetto toscano per omogeneizzati Km zero
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Del Pesce sarà main sponsor di Aquafarm 2017
Turismo
Alla scoperta di Piacenza con Sorgentedelvino Live
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio, Pasquali: Leonardo pronta a cogliere opportunità sviluppo
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4