lunedì 20 febbraio | 13:16
pubblicato il 11/mag/2015 10:33

Exor cede Cushman & Wakefield a Dtz per 2 miliardi di dollari

Plusvalenza di circa 722 milioni di dollari

Exor cede Cushman & Wakefield a Dtz per 2 miliardi di dollari

Roma, 11 mag. (askanews) - Exor ha stipulato un accordo definitivo per la cessione di Cushman & Wakefield a Dtz, che si fonderanno per dare vita a una delle più grandi società al mondo nel campo dei servizi per il settore immobiliare. L'operazione riconosce a Cushman & Wakefield un enterprise value complessivo pari a 2,042 miliardi di dollari.

Exor, in ragione di una partecipazione detenuta in Cushman & Wakefield pari al 75% fully diluted, si legge in una nota, incasserà 1,278 miliardi di dollari, facendo registrare una plusvalenza di circa 722 milioni di dollari. Il perfezionamento della transazione, che è soggetto alle consuete condizioni nonché all'approvazione delle competenti autorità, è previsto per il quarto trimestre del 2015.

"L'annuncio di oggi - si legge nella nota - è il frutto di un processo avviato all'inizio di gennaio 2015 per valutare i benefici legati a un'eventuale cambio di proprietà, ai fini di un'accelerazione nella strategia di sviluppo che Cushman & Wakefield aveva già messo in atto con successo".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Kraft-Unilever
Kraft Heinz rinuncia a offerta acquisto Unilever
Consumi
Cresce la fiducia, 1 italiano su 5 pronto a fare acquisti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ordini Medici: pubblicità sanitaria selvaggia è allarme sociale
Motori
BMW presenta la nuova Serie 5 berlina
Enogastronomia
"Benvenuto Brunello" Guida Rossa Michelin firma piastrella 2016
Turismo
Turismo, Alpitour amplia la rete su Andalusia e Costa del Sol
Energia e Ambiente
Premio ai Vigili del fuoco per i voli su Amatrice e Rigopiano
Moda
Moda New York, la donna bon ton secondo Carolina Herrera
Scienza e Innovazione
Onde gravitazionali, taglio del nastro per Advanced Virgo
TechnoFun
Amazon, a tempo di record i lavori per nuovo centro vicino Roma
Sistema Trasporti
Ibar, Usa e Cina ancora al top per i voli dall'Italia