giovedì 19 gennaio | 06:10
pubblicato il 07/apr/2014 12:10

Eurozona: Istat-Ifo-Insee, nel 1* trim pil +0,4% (1 update)

Eurozona: Istat-Ifo-Insee, nel 1* trim pil +0,4% (1 update)

(ASCA) - Roma, 7 apr 2014 - La ripresa nell'area dell'euro segnera' il valore piu' elevato nel primo trimestre del 2014, con un tasso di incremento del PIL di 0,4% in termini congiunturali, per poi decelerare marginalmente nei due trimestri successivi. E' quanto emerge dall'Economic Outlook realizzato da Istat, Ifo e Insee.

''Rispetto ai mesi precedenti - si legge in un comunicato - la crescita risultera' piu' diffusa tra i settori e i paesi grazie al progressivo miglioramento della domanda interna, che si aggiungera' al contributo ancora positivo delle esportazioni nette''. Gli investimenti privati continueranno a aumentare nell'orizzonte di previsione trainati dall'evoluzione dell'attivita' economica e dalla necessita di ricostituire la capacita produttiva dopo il brusco aggiustamento determinato dalla crisi finanziaria. La situazione ancora negativa del mercato del lavoro e le politiche fiscali ancora restrittive in alcuni paesi determineranno una lenta crescita del reddito disponibile e un conseguente modesto incremento dei consumi.

Per quanto riguarda l'andamento dell'economia, il report indica che la ripresa nell'area dell'euro continuera' nei prossimi trimestri trainata anche dal progressivo miglioramento della domanda interna. Nel complesso, il PIL aumentera' dello 0,4% in T1 per poi decelerare leggermente nei successivi due trimestri (+0,3% nel secondo e terzo trimestre), riflettendo, soprattutto in Germania, gli effetti della normalizzazione nelle condizioni climatiche. Le prospettive per i consumi privati rimangono modeste a causa delle condizioni ancora negative del mercato del lavoro e della conseguente lenta crescita del reddito disponibile.

Sebbene in miglioramento, la ripresa del PIL sara' insufficiente a determinare una riduzione del tasso di disoccupazione. Ci si attende, infatti, che questo rimanga sui valori elevati raggiunti nel breve termine e diminuisca solo moderatamente in seguito.

did/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Fed
Fed, Yellen vede tassi al 3% alla fine del 2019
Alitalia
Alitalia, Hogan: da Etihad e Abu Dhabi impegno per rilancio
Davos
Padoan da Davos: in Italia stiamo continuando riforme strttturali
Fs
Fs: firmato accordo, acquisisce la società greca Trainose
Altre sezioni
Salute e Benessere
"Guarda che bello", quando gli occhi dei bimbi si curano con gioia
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella: in Usa il 10% della produzione di Amarone
Turismo
Da Bookingfax una App per riportare turisti in Agenzia di viaggio
Energia e Ambiente
Leader mondiali dell'industria danno vita all'Hydrogen Council
Moda
Moda, dopo Milano Brandamour apre uno show room anche a New York
Scienza e Innovazione
"L'Ara com'era", il racconto dell'Ara Pacis diventa più immersivo
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Gb, arrivato a Londra primo treno merci proveniente dalla Cina