martedì 06 dicembre | 07:32
pubblicato il 28/ott/2015 18:17

Europarlamento: "sì" a procedure più semplici per nuovi alimenti

Cibi prodotti in laboratorio o tradizionali fuori Ue come insetti

Europarlamento: "sì" a procedure più semplici per nuovi alimenti

Strasburgo, 28 ott. (askanews) - La plenaria del Parlamento europeo ha approvato in prima lettura, oggi a Strasburgo, con 359 voti a favore, 202 contrari e 127 astenuti, una proposta di regolamento Ue che semplificherà, centralizzandole, le attuali procedure di autorizzazione alla commercializzazione nell'Ue dei "nuovi alimenti" ("novel food"), risalenti al 1997. I "nuovi alimenti" sono cibi e ingredienti (compresi i coloranti) innovativi o prodotti attraverso nuovi metodi o nuove tecnologie (come le nanotecnologie) e processi di produzione, e anche gli alimenti tradizionalmente consumati al di fuori dell'Unione, come certi insetti, funghi e alghe.

Il testo approvato, comunque, non è ancora quello definitivo: l'Europarlamento ha introdotto degli emendamenti rispetto all'accordo che era stato negoziato con il Consiglio Ue, che ora dovrà decidere se accettare le modifiche, oppure respingerle e andare in seconda lettura, nel qual caso ci saranno ulteriori negoziati fra le due autorità legislative.

Con le nuove regole, i nuovi prodotti alimentari saranno sottoposti alla valutazione della sicurezza e all'autorizzazione attraverso una procedura armonizzata a livello Ue, con le domande indirizzate direttamente alla Commissione e il coinvolgimento dell'Autorità europea per la sicurezza alimentare (Efsa) nei casi in cui la stessa Commissione consideri che vi siano possibili effetti sulla salute umana.

Finora, le richieste di autorizzazione venivano indirizzate dai produttori alle agenzie governative dei paesi membri, che però spesso vedevano le proprie conclusioni rimesse in discussione dalle agenzie omologhe di altri paesi, così che alla fine la decisione finale doveva comunque essere presa da Bruxelles.

Le norme proposte riguardano "provvisoriamente" anche gli alimenti provenienti dalla discendenza di animali clonati, nell'attesa dell'adozione di una legislazione specifica che proporrà la Commissione. L'Esecutivo comunitario proporrà anche come una nuova definizione per i nanomateriali e nuove norme restrizioni sulla sperimentazione animale.

Nel 2008, un precedente tentativo di riformare il regolamento "Novel Food" era stato bocciato dal Parlamento europeo, che non era riuscito a ottenere l'obbligo di etichettatura dei cibi provenienti dalla discendenza di animali clonati.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Borsa
Vittoria No non spaventa la Borsa (-0,21%) ma banche vanno giù
Ferrero
Ferrero si 'mangia' i biscotti belgi Delacre
Titoli di Stato
Il rendimento del Btp 10 anni torna sopra il 2%
Casa
Ag. Entrate: mercato immobiliare in rialzo, nel III trim. +17,8%
Altre sezioni
Salute e Benessere
Diabete, arriva in Italia penna con concentrazione doppia insulina

Roma, 5 dic. (askanews) - Un'iniezione "morbida", più facile, e una penna con il doppio delle unità di insulina disponibili per ridurre il numero di device da gestire: un...

Enogastronomia
Festa a Roma con Heinz Beck per i 30 anni del Gambero Rosso
Turismo
Eden Travel Group, il SalvaVacanza spinge l'advance booking
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Spazio, nuovo successo per il razzo italiano Vega
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari