martedì 21 febbraio | 00:07
pubblicato il 14/ott/2013 20:46

Eurogruppo: ultimi aiuti a Portogallo e Irlanda, 1 mld per la Grecia

(ASCA) - Lussemburgo, 14 ott - Esborso degli ultimi aiuti a Irlanda e Portogallo prima dei piani di rifinanziamento sul mercato, nuovi aiuti alla Grecia per il 2013 e poi verifica dello stato di salute del paese ellenico per gli aiuti del 2014. Sono le decisioni principali prese dall'Eurogruppo nel corso della riunione di Lussemburgo, che ha visto anche un nuovo round di discussioni sul progetto di Unione bancaria, tema che verra' riaffrontato domani in sede di Ecofin e di cui si continuera' a parlare ''nel corso dei prossimi mesi'', come annunciato dal presidente dell'Eurogruppo, Jeroen Dijsselbloem. I ministri dell'Economia e delle Finanze dei diciassette hanno dato il via libera alle tranche di aiuti da 2,3 miliardi per l'Irlanda e da 3,7 miliardi per il Portogallo.

Si tratta degli ultimi esborsi per le casse dei governi di Dublino e Lisbona (con la decsione di oggi dal 2011 a oggi l'Irlanda ha ricevuto oltre 17 miliardi di aiuti, il Portogallo oltre 24 miliardi). Poi, dal 2014 si valuteranno i piani per l'uscita dai programmi di assistenza e il ritorno sul mercato. Si' condizionato ai nuovi aiuti per la Grecia: e' pronto un miliardo di euro, ma tutto dipendera' dalle valutazione dei tecnici della Troika (Commissione europea-Banca centrale europea-Fondo monetario internazionale). Se tutto va bene i soldi saranno sborsati ''nelle prossime settimane'', quando si fara' una valutazione della situazione, situazione che comunque preoccupa: si teme che Atene continui a non avere i conti in ordine, uno scenario che non sarebbe gradito come lasciato intendere dal commissario europeo per gli Affari economici e monetari, Olli Rehn. ''E' fondamentale che la Grecia tenga fede agli impegni e che registri un avanzo primario, condizione necessaria per risolvere il problema della sostenibilita' del debito''. Il tutto sara' oggetto di analisi a inizio 2014.

Ancora da sciogliere i nodi relativi al progetto di Unione bancaria. Oggi i ministri dei diciassette hanno cercato un accordo di massima su come procedere alla risoluzione delle crisi bancarie. ''I principi di fondo - ribadisce Rehn al termine della riunione - restano quelli della tutela dei risparmiatori e della salvaguardia della stabilita' economica''. Il problema e' legato al tipo di risoluzione.

Per il momento l'idea accreditata e' quella di intervenire con risorse interne, ossia facendo ricadere il costo del salvataggio ad azionisti e creditori subordinati. Qualora cio' non bastasse, e' previsto il ricorso ad aiuti di natura prima statale e poi, in caso, europea. ''Nel caso in cui fossero necessari aiuti statali si applicheranno le regole comunitarie sugli aiuti di stato'', chiarisce Rehn. Il tema dell'Unione bancaria sara' ripreso domani con i paesi non Euro. Con loro pero' si discutera' dell'equo trattamento all'interno del Meccanismo unico di supervisione bancaria, ma sull'intero dossier ''ci saranno ulteriori approfondimenti nel corso dei prossimi mesi'', assicurano prima Dijsselbloem e poi Rehn.

bne/mau

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pensioni
Pensioni, Boeri: pensare a giovani, alcuni privilegi da rivedere
Alitalia
Alitalia, Delrio: ci sono problemi seri, siamo preoccupati
Alitalia
Alitalia, sindacati: sciopero confermato, governo convoca azienda
Conti pubblici
Padoan: da migliori previsioni no impatto su manovra correttiva
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ordini Medici: pubblicità sanitaria selvaggia è allarme sociale
Motori
BMW presenta la nuova Serie 5 berlina
Enogastronomia
Verona Fiere, Evoo Days, al via il primo forum per filiera olio
Turismo
Turismo, Alpitour amplia la rete su Andalusia e Costa del Sol
Energia e Ambiente
Premio ai Vigili del fuoco per i voli su Amatrice e Rigopiano
Moda
Moda New York, la donna bon ton secondo Carolina Herrera
Scienza e Innovazione
Onde gravitazionali, inaugurato a Cascina l'Advanced Virgo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Ibar, Usa e Cina ancora al top per i voli dall'Italia