venerdì 09 dicembre | 16:21
pubblicato il 11/lug/2015 21:48

Eurogruppo fa notte, paesi divisi e giallo su "Grexit a tempo"

Proposte Atene base negoziato per alcuni, insufficienti per altri

Eurogruppo fa notte, paesi divisi e giallo su "Grexit a tempo"

Roma, 11 lug. (askanews) - Continua a Bruxelles la riunione dell'Eurogruppo che dovrà decidere se dare il suo via libera ai negoziati con la Grecia per un terzo programma di assistenza finanziaria, tramite nuovi prestiti del Fondo salva Stati dell'Eurozona (Esm), dietro l'impegno del governo di Atene ad attuare le riforme strutturali e le misure di bilancio che ha proposto giovedì. Diverse fonti europee riferiscono che i paesi membri dell'Eurozona sono divisi, fra coloro (comprese Francia, Italia, e la Commissione europea) che considerano le proposte del governo greco come una buona base per cominciare il negoziato, e chi (Germania e alcuni Stati dell'Est) invece giudica insufficiente lo sforzo di riforma e inaffidabili gli impegni del governo di Alexis Tsipras, nonostante la schiacciante maggioranza parlamentare su cui può contare il premier dopo il voto della notte scorsa ad Atene, che ha però diviso proprio il partito di Tsipras, Syriza.

Una delle richieste che potrebbe emergere dall'Eurogruppo, è che il governo greco si impegni a far approvare entro pochi giorni dal Parlamento di Atene almeno alcune delle riforme proposte, per recuperare credibilità con i partner europei e rafforzare il processo negoziale. Ma alcune posizioni, come quella del ministro delle Finanze tedesco, Wolfgang Schaeuble, restano intransigenti e punitive nei confronti del governo Tsipras, a cui viene rimproverato di aver sensibilmente peggiorato nei pochi mesi in cui è stato al potere la situazione economica della Grecia, che cominciava a riprendersi alla fine dell'anno scorso.

Ora, dopo il referendum di domenica e le misure di controllo dei capitali, con la chiusura parziale delle banche tuttora in corso (e che continuerà almeno fino a lunedì), le previsioni di crescita per quest'anno sono tornate in profondo rosso. Ne consegue non solo una drammatica mancanza di liquidità nel sistema bancario (a cui non ha potuto sopperire la Bce, che non aumentato le iniezioni di liquidità d'emergenza Ela), ma anche un peggioramento del rapporto debito/Pil e dunque una maggiore difficoltà a conseguire gli obiettivi per l'avanzo primario che erano stati concordati con i creditori per i prossimi tre anni, fin a raggiungere il 3,5% del Pil nel 2018.

In questo contesto, i paesi "rigoristi", pretendono che la Grecia faccia molto di più rispetto alle misure di bilancio e alle riforme che erano state richieste dai creditori a fine giugno e bocciate dal referendum, e rispetto al pacchetto, molto simile, che Atene ha riproposto giovedì. Secondo una fonte della Commissione, è una richiesta che "non ha molto senso: effettivamente la situazione economica è peggiorata, ma questo non significa che si debbano moltiplicare per 10 le riforme strutturali; le riforme che la Grecia deve fare sono sempre le stesse".

La Commissione, inoltre, sostiene una proposta che potrebbe aiutare molto Atene, in vista della scadenza del 20 luglio, quando dovrà rimborsare 3,5 miliardi di euro alla Bce: dare alla Grecia i 3,2 miliardi di euro di profitti che la Bce ha ricavato nel 2014 e nel 2015 dai titoli di Stato ellenici in suo possesso, per permetterle di finanziare il rimborso mentre continueranno ancora probabilmente i negoziati per il terzo programma di salvataggio, sempre che siano stati nel frattempo avviati.

L'Eurogruppo in corso potrebbe continuare ancora per diverse ore, e non arrivare a una decisione netta, viste le divisioni fra gli Stati membri (e addirittura l'emergere di posizioni favorevoli alla "Grexit", come la bizzerra proposta attribuita a Schaeuble di "sospendere" la Grecia per cinque anni dall'Eurozona), ma terminare con una conclusione "aperta". La decisione sarebbe lasciata ai capi di Stato e di governo dell'Eurozona, che si riuniscono domani pomeriggio a Bruxelles. Con il vantaggio che, nell'Eurosummit, la Germania sarà rappresentata dalla cancelliera Angela Merkel, certamente meno rigida, più pragmatica, e dotata di maggiore lucidità politica del suo ministro delle Finanze.

Tuttavia la controversa proposta fratta trapelare dalla Germania all'Eurogruppo, l'idea di far uscire la Grecia dell'euro per 5 anni, non sarebbe un "colpo di testa" del ministro delle Finanze Wolfgang Schaeuble. "Quello che fa Schaeuble è stato concordato con la cancelliera (Angela Merkel). Tutto quello che ha detto o fatto - ha riferito una fonte del ministero delle Finanze teutonico - è stato in coordinamento con la cancelleria".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Bce
Draghi prolunga gli stimoli di 9 mesi e rassicura sull'Italia
Mps
Mps: da Vigilanza Bce no a proroga tempi per aumento capitale
Francia
Francia, banca centrale taglia stime crescita citando la Brexit
Borsa
La Borsa di Milano brinda alla proroga del Qe Bce, Ftse-Mib +1,64%
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Veronafiere, Usa: le regole import sui vini biologici
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Morto a 95 anni John Glenn, il primo austronauta Usa in orbita
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina