martedì 06 dicembre | 17:13
pubblicato il 08/gen/2015 16:26

Euro tornato ai livelli del debutto nel gennaio 1999

FT cita analista secondo cui rally dollaro continuerà in 2015

Roma, 8 gen. (askanews) - Con le ultime flessioni, che lo hanno portato sotto quota 1,18 sul dollaro per la prima volta da 9 anni, l'euro è anche tornato in prossimità dei livelli cui era stato lanciato, nel gennaio del 1999. Lo rileva il Financial Times, ricordando che all'esordio la valuta condivisa era stata introdotta con un rapporto di cambio di 1,1789 rispetto al biglietto verde.

Sucessivamente l'euro subì un deprezzamento, che nel gennaio del 2000 lo fece finire sotto il rapporto di parità (1:1) rispetto al biglietto verde, ma poi dal marzo del 2002, secondo le serie storiche, iniziò una risalita e da allora si è sistematicamente attestato a valori ben superiori a 1 dollaro, con un picco attorno a 1,60 nell'estate del 2008.

Dopo l'ultimo picco vicino a 1,40 dollari segnato nell'aprile del 2014, l'euro ha iniziato a calare in maniera netta, zavorrato dalla prospettiva di misure espansive supplementari da parte della Bce. In particolare i continui indebolimenti dell'inflazione nell'area valutaria hanno rafforzato le attese che l'istituzione monetaria possa lanciare un ampio programma di acquisti di titoli, un quantitative easing esteso anche alle emissioni pubbliche.

Una manovra che in prospettiva deprime la valuta di riferimento, l'euro, laddove all'opposto il dollaro viene rafforzato dall'orientamento restrittivo adottato dalla Federal Reserve, la banca centrale americana che si sta muovendo in una direzione opposta alla Bce: sta rimuovendo gli stimoli all'economia.

L'euro sta registrando la fase di indebolimento più prolungata della sua storia. E il quotidiano finanziario britannico cita un analista che prevede ulteriori rally del biglietto verde. "Un anno fa avevamo affermato che la forza del dollaro sarebbe stata il tema dominate dei mercati", ha detto David Bloom, capo delle analisi sul Forex per la banca anglo asiatica Hsbc. "Il dollaro ha registrato la performance più forte e nel 2015 ci attendiamo che si ripeta". Dopo un minimo di seduta a 1,1755 dollari l'euro resta indebolito a quota 1,1790 in serata: allineato con l'1,1789 del debutto 16 anni fa.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Borsa
Vittoria No non spaventa la Borsa (-0,21%) ma banche vanno giù
Governo
Governo, Cgil: elezioni anticipate pericolosa fuga in avanti
Cnel
Referendum, Napoleone: popolo ha riconosciuto il ruolo del Cnel
Lego
Lego, la dinastia Kirk Kristiansen blinda il futuro dei mattoncini
Altre sezioni
Salute e Benessere
Airc finanzia ricerca per migliorare diagnosi noduli alla tiroide
Enogastronomia
Touchscreen e realtà aumentata: a Milano il supermarket del futuro
Turismo
Ponte Immacolata, per un italiano su due hotel è luogo dolce vita
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
I supermercati del futuro di Amazon: niente casse e code
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni