domenica 04 dicembre | 15:38
pubblicato il 04/set/2015 10:31

Euro più debole su livelli dove l'avevano spinto parole Draghi

Attorno a quota 1,1140 su dollaro, reazione mercato non passeggera

Euro più debole su livelli dove l'avevano spinto parole Draghi

Roma, 4 set. (askanews) - L'effetto ribassista delle parole di Mario Draghi sull'euro perdura. Le parole di ieri del presidente della Bce che, pur confermando la dimensione del programma di Quantitative easing ha lasciato capire che in presenza di sviluppi non positivi potrebbe essere incrementato nella sua dimensione o nella sua scadenza, stanno mantenendo la moneta unica su livelli più bassi. Attorno alle 10.25 la moneta unica veniva scambiata a 1,1147 contro dollaro.

Secondo l'analista di Commerzbank Ulrich Leuchtmann - citato da Ft - le parole del presidente della Bce potrebbero implicare che il Quantitative easing, che attualmente comporta acquisti di obbligazioni e titoli di stato per 60 miliardi di euro al mese, potrebbe essere aumentato già a dicembre.

L'effetto delle parole di Draghi si misura anche ovviamente sui titoli di Stato: mentre i rendimenti dei titoli di Italia e Spagna restano piatti, i rendimenti sui Bund tedeschi stanno scendendo e ora il titolo a 10 anni rende lo 0,7060%.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Energia
Elettricità, Cgia: per piccole imprese la più cara in Eurozona
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari