sabato 03 dicembre | 19:26
pubblicato il 07/ott/2016 13:11

Esselunga, Caprotti nel testamento: mai una Coop, sì ad Ahold

Questo paese cattolico non tollera il successo

Esselunga, Caprotti nel testamento: mai una Coop, sì ad Ahold

Milano, 7 ott. (askanews) - Esselunga non dovrà mai finire alle Coop. La battaglia di una vita, Bernardo Caprotti l'ha scritta nero su bianco anche nel suo testamento, in cui, oltre a spartire soldi, case e quadri, ha tracciato il futuro della sua azienda, ora nelle mani dei suoi eredi, in primis la moglie Giuliana e la figlia Marina.

"L'azienda - si legge nel documento di 13 pagine steso il 9 ottobre 2014 - è diventata attrattiva. Però è a rischio. E' troppo pesante condurla, pesantissimo 'possederla', questo Paese cattolico non tollera il successo". "Occorre trovarle, quando i pessimi tempi italiani fossero migliorati, una collocazione internazionale", prosegue Caprotti, promuovendo eventuali partner olandesi, bocciando invece gli spagnoli. "Ahold sarebbe ideale - scrive il patron di Esselunga - Mercadona no".

"Attenzione: privata, italiana, soggetta ad attacchi, può diventare Coop. Questo - sono le ultime parole del testamento di Caprotti - non deve succedere".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Mps
Mps, adesioni a conversione bond superano 1 miliardo
Energia
Elettricità, Cgia: per piccole imprese la più cara in Eurozona
Altre sezioni
Salute e Benessere
Disturbi del sonno? 10 regole ambientali per dormire meglio
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari