martedì 21 febbraio | 00:39
pubblicato il 07/lug/2015 15:20

Esordio sobrio di Tsakalotos all'Eurogruppo, ma senza cravatta

Almeno sul look, cambio di stile rispetto a Varoufakis

Esordio sobrio di Tsakalotos all'Eurogruppo, ma senza cravatta

Bruxelles, 7 lug. (askanews) - Il neo ministro delle Finanze della Grecia Euclid Tsakalotos è arrivato in sordina al suo primo Eurogruppo a Bruxelles il 7 luglio. Tra i primi a fare il suo ingresso nel palazzo Lex del Consiglio europeo, Tsakalotos è entrato senza lasciare dichiarazioni.

Abbigliato in maniera sobria, giacca e camicia, Tsakalotos si è distinto almeno sul look dal suo predecessore Yanis Varoufakis, che invece prediligeva completi più appariscenti. Ma come Varoufakis e come il premier Alexis Tsipras non indossava la cravatta.

Prima dell'inizio dell'Eurogruppo, Tsakalotos è entrato dentro la sala del Consiglio europeo dove si riuniscono i 19 ministri delle Finanze, e prima di sedersi al tavolo ha stretto la mano al presidente dell'Eurogruppo Jeroen Djessembloem, al ministro delle Finanze francese Michel Sapin e a quello irlandese Michael Noonan.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pensioni
Pensioni, Boeri: pensare a giovani, alcuni privilegi da rivedere
Alitalia
Alitalia, Delrio: ci sono problemi seri, siamo preoccupati
Alitalia
Alitalia, sindacati: sciopero confermato, governo convoca azienda
Conti pubblici
Padoan: da migliori previsioni no impatto su manovra correttiva
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ordini Medici: pubblicità sanitaria selvaggia è allarme sociale
Motori
BMW presenta la nuova Serie 5 berlina
Enogastronomia
Verona Fiere, Evoo Days, al via il primo forum per filiera olio
Turismo
Turismo, Alpitour amplia la rete su Andalusia e Costa del Sol
Energia e Ambiente
Premio ai Vigili del fuoco per i voli su Amatrice e Rigopiano
Moda
Moda New York, la donna bon ton secondo Carolina Herrera
Scienza e Innovazione
Onde gravitazionali, inaugurato a Cascina l'Advanced Virgo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Ibar, Usa e Cina ancora al top per i voli dall'Italia