lunedì 05 dicembre | 15:33
pubblicato il 04/set/2014 14:29

Enogastronomia: vino, prezzi stazionari per gli 'sfusi'

(ASCA) - Roma, 4 set - I prezzi degli ''sfusi'', dai territori leader del vino italiano che, forti principalmente dei risultati dell'export, sembrano stazionari o lievissimamente in aumento. Stiamo parlando delle ultime rilevazioni, avvenute uno o due mesi fa, per consentire alle cantine di svuotarsi prima della nuova vendemmia. Ma proprio le previsioni non positive per l'esito qualitativo (piu' ottimistiche le stime per quello quantitativo) della vendemmia 2014 potrebbero portare qualche sorpresa nel ''borsino'' dei prezzi dello sfuso, con qualche tensione. A dirlo un indagine di WineNews, che ha sentito professionisti del settore e, in qualche caso, i Consorzi, che hanno fornito i dati.Una possibilita' ancora tale, soprattutto a vendemmia ancora tendenzialmente lontana per la maggior parte delle uve rosse, mentre su quelle bianche qualcosa gia' e' possibile stimare, aspettando la vendemmia del Prosecco che dovrebbe partire proprio in questi giorni, mentre per l'altro re dei bianchi, il Pinot Grigio, si puo' ipotizzare un leggero rialzo dei prezzi dello sfuso.In Piemonte, il Barolo sfuso viaggia a 800 euro ad ettolitro, mentre il Barbaresco costa ad ettolitro 400 euro, il Gavi 200 euro ad ettolitro, come il Moscato, mentre la Barbera oscilla tra i 100 e i 150 euro ad ettolitro, ed il Dolcetto tra gli 80 e 120. In Lombardia, e precisamente nella Franciacorta, sebbene il mercato dello sfuso sia tendenzialmente minimo, le basi spumante si attestano sui 150 euro ad ettolitro. In Trentino, terra d'elezione per gli spumanti metodo classico, il prezzo dello sfuso Trentodoc si trova intorno ai 160-200 euro ad ettolitro. Il Veneto resta la Regione che probabilmente sta meglio, grazie alle sue denominazioni di punta Prosecco e Amarone. Ma qui, a vendemmia ancora da iniziare, c'e' una certa reticenza nel rilevare i prezzi dello sfuso delle due Docg, visti anche i problemi metereologici incontrati nel pre-vendemmia 2014. Per le bollicine, un ettolitro di Prosecco Doc potrebbe valere tra i 180 e i 200 euro ad ettolitro, mentre lo stesso quantitativo di Docg Conegliano-Valdobbiadene viaggerebbe tra i 220 e i 230 euro ad ettolitro. Conferma il suo alto valore l'Amarone della Valpolicella, anche se in questo caso stiamo parlando di un mercato tendenzialmente ristretto: un ettolitro di Amarone potrebbe arrivare a costare 800 euro, mentre uno di Valpolicella si attesta sui 300 euro. Lo sfuso di Soave Classico, invece, starebbe tra 100 e 110 euro ad ettolitro.

com-ram

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Cambi
Cambi, euro in calo sul dollaro ai minimi da 21 mesi
Titoli di Stato
Il rendimento del Btp 10 anni torna sopra il 2%
Ferrero
Ferrero si 'mangia' i biscotti belgi Delacre
Fs
Antitrust: indagini su Trenitalia e Ntv per pratiche scorrette
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Festa a Roma con Heinz Beck per i 30 anni del Gambero Rosso
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari