giovedì 19 gennaio | 21:11
pubblicato il 04/set/2014 14:38

Enogastronomia: vino, in Cina si prepara a diventare prodotto di massa

(ASCA) - Roma, 4 set - Sembrano non esserci piu' le certezze granitiche di una volta nel mondo del commercio enoico, ma non e' detto che il panorama che si va delineando all'orizzonte sia peggiore di quello che conosciamo oggi.

Almeno in Cina, considerata, fino ad un paio di anni fa, la terra promessa di tutte le produzioni di alta gamma, e che oggi invece, riferisce il sito Winenews.it, deve fare i conti con due fenomeni sempre piu' radicati: da una parte, le politiche di austerity recentemente confermate da Pechino, che rallentano non poco la crescita delle vendite di fine wines in Cina, dall'altra, il calo del prezzo medio al dettaglio dei vini d'importazione di fascia bassa, sempre piu' accessibili.

Il costo medio di una bottiglia prodotta all'estero, acquistata sotto la Muraglia, fino a poco tempo fa si attestava sui 120-150 yuan, pari a 19-24 dollari, un prezzo decisamente alto se si pensa che lo stipendio medio, secondo gli ultimi dati del National Bureau of Statistics of the People's republic of China e' di 2.000 yuan, ma in via di ridimensionamento: a pochi giorni dalla ''Festa di Meta' Autunno'' (conosciuta anche come Festa della Luna, ndr), gli analisti di ''Wine Intelligence'' (www.wineintelligence.com) hanno rilevato prezzi che, in Gdo, sono scesi addirittura sotto i 30 yuan. Certo, non si tratta di vini di grande qualita', ma di fronte alla frenata del mercato del lusso (che riguarda essenzialmente i vini venduti a piu' di 500 yuan), e alle difficolta' della fascia ''premium'' (150-300 yuan), colpita in maniera particolare dalla piaga della contraffazione, la possibilita' di allargare la platea dei consumatori di vino e' comunque un dato positivo.

Adesso, sta alle aziende, specie ai grandi marchi europei, cogliere la palla al balzo, e far diventare il vino un prodotto di consumo di massa. Una possibilita' che, fino ad ora, non si era mai realmente palesata, o almeno non in questi termini, e del resto, con una base importante di consumatori di fascia bassa sara' piu' semplice far ripartire anche le vendite delle categorie superiori.

com-ram

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Fed
Fed, Yellen vede tassi al 3% alla fine del 2019
Ilva
Ilva, Laghi: in 2016 produzione +23% con 5,8 mln tonnellate
Petrolio
Petrolio, Aie rivede al rialzo domanda mondiale, cala offerta Opec
Inps
Inps: a dicembre autorizzate 37,8 mln ore Cig, su anno -11%
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella: in Usa il 10% della produzione di Amarone
Turismo
Da Bookingfax una App per riportare turisti in Agenzia di viaggio
Energia e Ambiente
Ambientalisti italiani in piazza per Trump
Moda
Moda, dopo Milano Brandamour apre uno show room anche a New York
Scienza e Innovazione
Alibaba diventa partner delle Olimpiadi fino al 2028
TechnoFun
Italiaonline si conferma prima internet company italiana
Sistema Trasporti
TomTom City, la piattaforma monitora il traffico in tempo reale