mercoledì 18 gennaio | 23:45
pubblicato il 07/set/2013 17:13

Eni: Scaroni, produzione in Libia a ritmi piu' bassi dopo-rivoluzione

(ASCA) - Cernobbio (Co), 7 set - La produzione di petrolio in Libia prosegue per l'Eni a ritmi piu' bassi rispetto ai 270mila barili giornalieri del dopo-rivoluzione. Lo ha chiarito l'amministratore delegato del gruppo energetico, Paolo Scaroni, a margine del Workshop Ambrosetti di Cernobbio.

I giacimenti libici incidono sul 15% sul totale della produzione petrolifera dell'Eni. ''In Libia - ha osservato Scaroni - continuiamo a produrre petrolio a ritmi piu' bassi che nel passato. Oggi siamo sotto ai 270mila barili al giorno del dopo-rivoluzione''. Insomma, secondo l'amministratore delegato dell'Eni in Libia ''c'e' qualche elemento di preoccupazione perche' non si vede un rafforzamento delle istituzioni''. Ma tutto questo ''era previsto'' secondo Scaroni che ha spiegato: ''E' difficile uscire in quattro e quattr'otto da 42 anni di dittatura e trovare una stabilita' istituzionale''.

fcz/rf

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Alitalia
Alitalia, Hogan: da Etihad e Abu Dhabi impegno per rilancio
Fed
Fed, Yellen vede tassi al 3% alla fine del 2019
Davos
Padoan da Davos: in Italia stiamo continuando riforme strttturali
Fs
Fs: firmato accordo, acquisisce la società greca Trainose
Altre sezioni
Salute e Benessere
"Guarda che bello", quando gli occhi dei bimbi si curano con gioia
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella: in Usa il 10% della produzione di Amarone
Turismo
Da Bookingfax una App per riportare turisti in Agenzia di viaggio
Energia e Ambiente
Leader mondiali dell'industria danno vita all'Hydrogen Council
Moda
Moda, dopo Milano Brandamour apre uno show room anche a New York
Scienza e Innovazione
"L'Ara com'era", il racconto dell'Ara Pacis diventa più immersivo
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Gb, arrivato a Londra primo treno merci proveniente dalla Cina