giovedì 08 dicembre | 05:48
pubblicato il 08/mag/2014 10:42

Eni: Scaroni, 2013 anno difficile ma consegniamo azienda piu' forte

Eni: Scaroni, 2013 anno difficile ma consegniamo azienda piu' forte

(ASCA) - Roma, 8 mag 2014 - Il 2013 per l'Eni e' stato un anno ''difficile'' ma nonostante questo il Cda uscente consegna agli azionisti una societa' ''piu' forte'' e con un debito dimezzato.

Lo ha detto l'amministratore delegato Paolo Scaroni in apertura dell'assemblea degli azionisti chiamata, tra l'altro, ad approvare il bilancio d'esercizio e a rinnovare gli organi sociali. ''Nel 2013 Eni ha affrontato un anno difficile in tutti i settori di business'' ha detto leggendo una lettera agli azionisti ''Nell'Upstream la produzione di idrocarburi ha subito forti riduzioni in Libia e, in minor misura in Nigeria ed Algeria a causa di tensioni sociali, di conflitti interni ed altri fenomeni riconducibili a fattori di rischio geopolitico.

Nel mid-downdtream la crisi economica e la competizione di altre fonti energetiche hanno determinato un'ulteriore caduta della domanda di gas e carburanti, in particolare in Italia.

Infine Saipem ha registrato un forte calo di profittabilita' nel 2013 per il peggioramento del valore di alcune commesse''.

Nonostante questo quadro, ha aggiunto, ''Eni ha conseguito nel 2013 risultati operativi e finanziari solidi facendo leva sulla forza del portafoglio e sui processi di turnaround in corso nei business mid-downstream'' mentre in prospettiva la societa' beneficera' dei ''successi nell'esplorazione'' della rinegoziazione dell'85% dei contratti di fornitura che porteranno ad un beneficio di 2 miliardi di euro l'anno tra il 2014 e il 2016.

''In definitiva - ha proseguito Scaroni - a conclusione del triennio, consegniamo ai nostri azionisti un'azienda sempre piu' focalizzata nell'upstream, con eccellenti prospettive di redditivita' e di generazione di cassa grazie ad un portafoglio di progetti e riserve tale da consentire anche opzioni di monetizzazione anticipata e con una chiara strategia di ristrutturazione dei business mid e downstream''.

''Dal punto di vista patrimoniale - ha concluso - la societa' e' piu' forte con debiti netti dimezzati rispetto a tre anni fa''.

fgl/gbt

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Mps
Mps: Vigilanza Bce studia proroga fino a 31 gennaio
Banche
I 5 requisiti necessari a un eventuale "salva banche" con l'Esm
Banche
Ue multa Agricole, Hsbc e JPMorgan su cartello Euribor: 485 mln
L.Bilancio
L.Bilancio: Senato approva fiducia con 173 sì
Altre sezioni
Salute e Benessere
Robot indossabile ridà capacità di presa a persone quadriplegiche
Enogastronomia
Domenica 11 dicembre Cantine aperte a Natale
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni