martedì 24 gennaio | 02:43
pubblicato il 13/giu/2013 16:12

Eni: R&S, prima azienda in Italia, aumenta quote di mercato in Europa

(ASCA) - Milano, 13 giu - In Italia e' l'azienda numero uno per fatturato. Ma non sfigura neppure nel panorama europeo, dove si colloca al secondo posto per solidita' finanziaria, al terzo per reddittivita' operativa, competitivita' e investimenti in esplorazione. E ancora, e' la quarta europea per dimensione, si pone al quinto posto per produzione e al sesto per liquidita'.

Se invece si allargano i riflettori di indagine allo scenario globale, e' la 12ma multinazionale al mondo per attivi, la 9na se si prendono in considerazione solo i colossi petroliferi.

Ecco l'dentikit dell'Eni che emerge dalla fotografia sulle multunazionali scattata dal centro Ricerce&Studi di Mediobanca.

Nel panorama italiano non c'e' partita: Eni resta salda al comando della classifica delle societa' con maggiori ricavi con 127,2 miliardi di fatturato registrati nell'esercizio 2012. In seconda posizione - con 17 miliardi di ricavi in meno - c'e' Exor, a quota 110 milardi. Ma e' soprattutto nel contesto europeo che il peso di Eni aumenta. Nell'ultimo decennio ha scalato quote di mercato a dicapito delle principali concorrenti, passando dall'8,2% del 2002 al 10,6% del 2012. E' questo l'effetto di un aumento dei ricavi piu' sostenuto rispetto a quelli degli omologhi spagnoli (Repsol e Cepsa) e francesi (Total) soprattutto all'estero, considerata la contrazione italiani nei consumi di petrolio e idrocarburi.

Attualmente, dunque, il colosso energetico italiano e' il quinto produttore europeo di idrocarburi con una quota del 12,2%. Ma e' il 2012 e' stato anche l'anno della cessione di Snam a Cassa Depositi e Prestiti, operazione che ha permesso all'Eni di scalare la classifica delle societa' pertrolifere europee sul fronte della solidita' finanziaria (dove nel 2012 si piazza in seconda posizione) e su quello della liquidita' (dove compare al sesto posto). Oltre a porsi al terzo posto per reddittivita' operativa, competitivita' e investimenti in attivita' di esplorazione, Eni e' anche il quarto gruppo petrolifero europeo per riserve di idrocarburi, sufficienti da permetterle 11,5 anni di autonomia. L'indagine R&S Mediobanca chiarisce comunque che a livello europeo il fatturato complessivo dell'industria pertrolifera si e' ridotto nel primo trimestre 2013 del 4,8%, con un trend in linea con l'andamento del prezzo del greggio che nei primi tre mesi dell'anno si e' ridotto del 4,7%. Infine un focus sulle dinamiche globali: nel 2012 la piu' grande societa' petrolifera del mondo e' la britannica Royal Dutch Shell, una delle storiche 'sette sorelle', il cui numero si e' in realta' ridotto a quattro per effetto di numerose operazioni di fusione e acquisizione. In secondo posizione la cinese PetroChina, al terzo posto la statunitense ExxonMobil. I ricavi e la dimensione societaria dei giganti del petrolio risultano complessivamente in crescita, anche se i margini risultano ancora lontani dai livelli pre-crisi. I ricavi delle multinazionali petroliefere hanno comunque prosgressiamente eroso quote di mercato alla manifattura. Con il risultato di aumentare il potere dei governi che ormai controllano il 70% del fatturato petrolifero mondiale.

fcz/mau/rob

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pensioni
Pensioni, Boeri: manovra fa aumentare debito
Commercio
Ricerca Nielsen, 87% di chi naviga in internet fa shopping online
Cambi
Protezionismo Trump riporta il dollaro ai minimi da dicembre
Bce
Draghi: collaborazione Stati invece di "richiami a cupi passati"
Altre sezioni
Salute e Benessere
Digital Magics cede partecipazione in ProfumeriaWeb a Free Bird
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Tutti a Montefalco per l'Anteprima Sagrantino
Turismo
Alla scoperta di Piacenza con Sorgentedelvino Live
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Sugli sci trainati dal drone: arriva il droneboarding
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4