domenica 22 gennaio | 01:18
pubblicato il 10/mag/2013 14:50

Eni: Recchi, nessuna interferenza dello Stato nelle nostre attivita'

(ASCA) - Roma, 10 mag - Non c'e' nessuna interferenza nelle attivita' dell'Eni da parte dello Stato italiano con il quale il rapporto si e' allentato dopo le modifiche alla norma sulla golden share. Lo ha sottolineato il presidente Giuseppe Recchi rispondendo al rappresentante del fondo Knight Vinke che aveva chiesto alla societa' di fare pressioni sul governo per cambiare il rapporto con l'azionista pubblico.

''Vorrei ricordare - ha detto Recchi - che non dipende da Eni cambiare le regole. Lo Stato, comunque, non ha nessuna interferenza politica nelle attivita' di Eni e su questo posso garantire personalmente''. Oltre a questo, ha ricordato, ''c'e' stato un allentamento del rapporto con lo Stato testimoniato dal cambiamento della norma della golden share'' che si affianca al ''sistema del voto di lista italiano'' che ''consente la nomina da parte degli azionisti di minoranza di rappresentanti negli organi sociali e di controllo''.

fgl/cam/rob

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Carrefour
Carrefour annuncia 500 esuberi e i sindacati preparano scioperi
Alimenti
Obbligo di indicazione di origine sui latticini: ecco il vademecum
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4