sabato 10 dicembre | 15:46
pubblicato il 10/mag/2013 14:50

Eni: Recchi, nessuna interferenza dello Stato nelle nostre attivita'

(ASCA) - Roma, 10 mag - Non c'e' nessuna interferenza nelle attivita' dell'Eni da parte dello Stato italiano con il quale il rapporto si e' allentato dopo le modifiche alla norma sulla golden share. Lo ha sottolineato il presidente Giuseppe Recchi rispondendo al rappresentante del fondo Knight Vinke che aveva chiesto alla societa' di fare pressioni sul governo per cambiare il rapporto con l'azionista pubblico.

''Vorrei ricordare - ha detto Recchi - che non dipende da Eni cambiare le regole. Lo Stato, comunque, non ha nessuna interferenza politica nelle attivita' di Eni e su questo posso garantire personalmente''. Oltre a questo, ha ricordato, ''c'e' stato un allentamento del rapporto con lo Stato testimoniato dal cambiamento della norma della golden share'' che si affianca al ''sistema del voto di lista italiano'' che ''consente la nomina da parte degli azionisti di minoranza di rappresentanti negli organi sociali e di controllo''.

fgl/cam/rob

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Mps
Banche, Fonti Palazzo Chigi: nessun cdm previsto, schema dl pronto
Francia
Francia, è penuria di tartufi e i prezzi volano alle stelle
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
All'Isola della Sostenibilità il mondo dell'economia circolare
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Europei, Olimpiadi e terremoto, il 2016 su Facebook in Italia
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina