domenica 22 gennaio | 03:00
pubblicato il 27/ago/2014 16:53

Eni: perforato con successo primo pozzo olio non convenzionale in Usa

(ASCA) - Roma, 27 ago 2014 - Eni ha perforato con successo il primo pozzo esplorativo orizzontale (Stallings 1H) nell'ambito dell'accordo con Quicksilver Resources volto a valutare, esplorare e sviluppare risorse a olio in giacimenti non convenzionali situati nella parte meridionale del bacino del Delaware, nella Contea di Pecos, nel West Texas, circa 700 chilometri a nord ovest di Houston. Il pozzo, spiega il Cane a Sei Zampe, perforato fino alla profondita' verticale di 2,250 metri e poi completato su un tratto orizzontale di 900 metri, produce attualmente 750 barili di olio equivalente al giorno, il 90% dei quali rappresentati da olio.

''La produzione ottenuta presso il pozzo Stallings 1H - spiega Eni - risulta tra le piu' elevate riscontrate in questa porzione del bacino del Delaware e rappresenta un inizio promettente per le attivita' che Eni sta svolgendo nell'ambito delle risorse a olio non convenzionale negli Stati Uniti. L'avvio della produzione del pozzo e' previsto per l'inizio di settembre''.

La joint venture Eni-Quicksilver sta attualmente perforando un secondo pozzo esplorativo, Mitchell 1H, situato circa 7 chilometri a nord del pozzo Stallings 1H e che persegue i medesimi obiettivi minerari.

L'accordo esplorativo tra Eni e Quicksilver riguarda un'area di circa 210 chilometri quadrati nella Contea di Pecos, nel West Texas, nella parte meridionale del prolifico bacino del Delaware. Eni e Quicksilver (Operatore) detengono ciascuno la quota del 50% nel progetto, al quale Eni contribuisce attivamente assicurando know-how qualificato e applicazione di tecnologie proprietarie a supporto dell'Operatore.

Negli Stati Uniti Eni detiene partecipazioni in 200 concessioni nel Golfo del Messico e in 530 concessioni in aree non convenzionali (shale gas e shale oil) nell'onshore del Texas. Inoltre, Eni detiene partecipazioni in 100 concessioni nel North Slope in Alaska, incluse le quote del 100% nel campo a olio Nikaitchuq e il 30% nel campo a olio di Oooguruk. L'attuale produzione totale netta giornaliera di Eni negli Stati Uniti e' di oltre 100.000 barili di olio equivalente, di cui il 75% da attivita' svolte da Eni nel ruolo di Operatore.

com-fgl/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Carrefour
Carrefour annuncia 500 esuberi e i sindacati preparano scioperi
Alimenti
Obbligo di indicazione di origine sui latticini: ecco il vademecum
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4