venerdì 02 dicembre | 23:43
pubblicato il 23/nov/2013 12:13

Eni: inaugurato in Venezuela primo oleodotto campo Junin-5

Eni: inaugurato in Venezuela primo oleodotto campo Junin-5

(ASCA) - Roma, 23 nov - Il ministro del Petrolio e presidente della societa' di stato PDVSA, Rafael Ramirez, e una delegazione Eni composta dai membri del Consiglio di Amministrazione, guidata dall'amministratore delegato Paolo Scaroni e dal presidente Giuseppe Recchi, hanno inaugurato ieri il primo oleodotto per l'evacuazione dell'olio dal campo Junin-5, situato nella Faja petrolifera dell'Orinoco. L'oleodotto ha una lunghezza di 25 chilometri ed e' composto da due condotte, una del diametro di 8'' che trasportera' il diluente al campo, e una di 12'' che trasportera' olio pesante diluito ai vicini impianti di trattamento di PDVSA.

In occasione della cerimonia, le parti hanno inoltre fatto il punto sulle attivita' e i progetti in comune nel Paese e discusso dello stato di avanzamento del campo Junin-5 e dei progetti relativi al super giant Perla, uno dei piu' grandi giacimenti di gas scoperti negli ultimi anni a livello mondiale.

Eni, si legge in una nota, e' considerata un partner strategico di PDVSA e del Venezuela, dato l'importante impegno futuro sia in termini di investimenti che di produzione a lungo termine.

Eni e' presente in Venezuela dal 1998. Nel paese la societa' partecipa nello sviluppo del blocco di olio pesante Junin-5, situato nella Faja dell'Orinoco che possiede 35 miliardi di barili di olio equivalente in posto e la cui produzione e' stata avviata lo scorso marzo. A regime Junin-5 e' previsto produrre 240.000 barili di olio al giorno (96.000 in quota Eni). Junin-5 e' gestito congiuntamente da due joint venture, entrambe formate da PDVSA (60%) ed Eni (40%): PetroJuni'n per lo sviluppo e la produzione del campo e PetroBicentenario per la costruzione e la gestione di una raffineria nel complesso industriale di Jose, con una capacita' di 350.000 barili al giorno.

In Venezuela Eni e' anche co-operatore di Cardon IV, la societa' operativa che gestisce il giacimento a gas di Perla, le cui riserve di gas in posto sono stimate in circa 480 miliardi di metri cubi di gas (3,1 miliardi di barili di olio equivalente). Il picco di produzione di Perla e' attualmente previsto in 216.000 barili di olio equivalente al giorno (70.200 in quota Eni). Gli azionisti di Perla, dopo l'ingresso di PDVSA nel progetto, saranno PDVSA (35%), Eni (32,5%) e Repsol (32,5%).

Eni detiene inoltre una partecipazione in Petrosucre, che opera il giacimento offshore di Corocoro (PDVSA 74%, Eni 26%), con una produzione giornaliera in quota Eni di circa 10 mila barili di olio al giorno. com-gbt

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Banche
Banche: stop Consiglio Stato a riforma popolari, rinvio Consulta
Mps
Mps, adesioni a conversione bond superano 1 miliardo
Italia-Russia
Putin a Pietroburgo inaugura alta velocità, dopo visita Renzi
Eni
Eni: cessato allarme incendio nella raffineria di Sannazzaro
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari