giovedì 23 febbraio | 04:23
pubblicato il 18/nov/2013 12:26

Eni: in funzione nuovo supercalcolatore per attivita' esplorazione

Eni: in funzione nuovo supercalcolatore per attivita' esplorazione

(ASCA) - Roma, 18 nov - Eni ha messo in funzione il nuovo supercalcolatore di classe Petaflop ''che sara' utilizzato a supporto delle attivita' di esplorazione degli idrocarburi, fornendo la capacita' di calcolo necessaria per migliorare l'accuratezza e la risoluzione degli studi geologici e geofisici, fondamentali per individuare e sviluppare nuove riserve e progettare le attivita' di perforazione in maniera sicura e ottimale''. Lo rende noto la societa' sottolineando che il nuovo sistema con una capacita' di calcolo superiore a 3 Petaflop e' in grado di raggiungere una performance paragonabile a quella dei piu' potenti centri di calcolo a livello mondiale.

Il supercalcolatore e' basato su una architettura di tipo cluster ed e' costituito da 1.500 nodi di calcolo dotati di microprocessori di ultima generazione, con 24.000 core complessivi, potenziati da 1.300 acceleratori grafici denominati General Purpose Graphics Processing Units (GPGPU), equivalenti alla potenza di calcolo di ulteriori 20.800 core.

All'interno del cluster, i nodi di calcolo sono collegati da una rete di comunicazione locale ad altissime prestazioni e serviti da un'area disco con una capacita' totale di 5 PetaByte ad accesso parallelo e larga banda di trasferimento.

Il sistema ospitera' principalmente l'ampio portafoglio di tecnologie di punta sviluppate da Eni per l'elaborazione dei dati sismici, al fine di elaborare immagini tridimensionali della sottosuperficie, e per la modellizzazione dei sistemi petroliferi. In linea con l'impegno di Eni per la sostenibilita', il sistema e' stato progettato con l'obiettivo di raggiungere il massimo livello di efficienza energetica. A questo scopo, il supercalcolatore e' stato installato all'interno del nuovo centro di elaborazione dati Eni, il Green Data Center di Ferrera Erbognone (Pavia), realizzato per ospitare i sistemi informatici centrali di elaborazione della societa', sia di informatica gestionale, sia di elaborazione di simulazione sismica. Nel Green Data Center sono infatti impiegate le piu' innovative infrastrutture per il risparmio energetico, abbattendo l'emissione di CO2 di 335 mila tonnellate annue (circa l'1% dell'obiettivo italiano di Kyoto per l'energia), e riducendo notevolmente i costi operativi. E' stato raggiunto il record mondiale in termini di efficienza energetica per i mega-center, misurato come il rapporto tra l'energia totale utilizzata e l'energia dedicata all'informatica: per il Green Data Center questo rapporto sara' al di sotto del valore di 1,2, miglior risultato a livello mondiale.

com-fgl/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Mps
Mps, Pagani: ancora qualche settimana con Ue, siamo positivi
Alitalia
Alitalia, sindacati disertano tavolo Assaereo su contratto
Alitalia
Alitalia, Uilt: pronti a nuovi scioperi, domani confermato
Alitalia
Alitalia, domani sciopero di 4 ore. Sindacati pronti a nuovi stop
Altre sezioni
Salute e Benessere
Carnevale, allarme dermatologi: attenzione a trucchi e maschere
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
150 ettari oliveto sul mare a Menfi, prende vita progetto Planeta
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Una legge per istituire la Giornata del risparmio energetico
Moda
A Londra apre una mostra su Lady Diana, icona della moda
Scienza e Innovazione
Nasa: scoperti sette esopianeti simili alla Terra
TechnoFun
La Cina leader nel mondo delle app per abbellire i selfie
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech