lunedì 20 febbraio | 08:30
pubblicato il 05/ago/2013 12:39

Eni: Herald Tribune, non e' il gruppo a frenare l'Italia

(ASCA) - Roma, 5 ago - ''Non e' l'Eni a frenare l'Italia''.

Questo e' il titolo che appare oggi sull'International Herald Tribune, dedicato al gruppo energetico italiano.

Per il giornale statunitense il ''rating migliore (di quello italiano ndr.) per Eni dimostra la fiducia nelle capacita' del suo amministratore delegato, Paolo Scaroni, nel navigare in territori spinosi. Quando Standard & Poor ha tagliato il rating dell'Italia il mese scorso a BBB, la controllata statale Eni ha improvvisamente scoperto che il proprio rating 'A' aveva superato quello del debito sovrano italiano. Qualsiasi futuro downgrade di Eni rifletterebbe piu' probabilmente le preoccupazioni sull'Italia che sul business del gigante petrolifero''. ''La societa' non e' immune dagli sconvolgimenti italiani - avverte pero' il giornale -. Il costo per assicurare il debito di Eni in generale segue quella di titoli di Stato italiani, anche se le obbligazioni a cinque anni della societa' sono visti piu' favorevolmente. Se le preoccupazioni per la debole economia italiana e la difficile governance peggiorano, il rating di Eni potrebbe abbassarsi di un notch.

Ma non sara' per la sua volonta' di trivellare in posti difficili''.

com-sen/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Kraft-Unilever
Kraft Heinz rinuncia a offerta acquisto Unilever
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ordini Medici: pubblicità sanitaria selvaggia è allarme sociale
Motori
BMW presenta la nuova Serie 5 berlina
Enogastronomia
"Benvenuto Brunello" Guida Rossa Michelin firma piastrella 2016
Turismo
Turismo, Alpitour amplia la rete su Andalusia e Costa del Sol
Energia e Ambiente
Premio ai Vigili del fuoco per i voli su Amatrice e Rigopiano
Moda
Moda New York, la donna bon ton secondo Carolina Herrera
Scienza e Innovazione
SpaceX, rinviato lancio del Falcon-9 dalla piattaforma Nasa 39-A
TechnoFun
Amazon, a tempo di record i lavori per nuovo centro vicino Roma
Sistema Trasporti
Ibar, Usa e Cina ancora al top per i voli dall'Italia