martedì 24 gennaio | 22:18
pubblicato il 12/set/2014 13:25

Eni: al vaglio pm accordi per tangenti a intermediari e manager italiani

(ASCA) - Milano, 12 set 2014 - Gli accordi siglati lungo l'asse Italia-Nigeria per far arrivare tangenti a intermediari e manager italiani. E' soprattutto su questo che si stanno concentrando i riflettori dei pm Fabio De Pasquale e Sergio Spadaro, titolari del filone di inchiesta sulla presunta maxi corruzione internazionale di Eni in Nigeria. I magistrati milanesi sono convinti che ci fossero circa 200 milioni di euro destinati a soggetti di nazionalita' italiana (non solo gli intermediari come Luigi Bisignani e Gianluca Di Nardo, ma anche manager Eni) e che soltanto la loro decisione di mettere sotto sequestro quella somma (110 milioni a luglio e 83 nei giorni scorsi) abbia impedito a questo fiume di denaro di arrivare a destinazione. L'inchiesta, partita dalle indagini napoletane sulla P4, ha subi'to una brusca accelerazione i primi giorni di settembre, con l'iscrizione nel registro degli indagati di Claudio Descalzi, nominato dal governo Renzi amministratore delegato di Eni, e del suo predecessore Paolo Scaroni.

Accusati di corruzione internazionale in relazione all'acquisto, da parte del gruppo del cane a 6 zampe, della concessione Opl-245 per l'esplorazione petrolifera di un tratto di costa al largo delle coste nigeriane. Operazione perfezionata nel 2011 e costata alle casse del gruppo energetico 1 miliardo e 92 milioni di dollari, somma bonificata su un conto londinese intestato governo nigeriano per poi essere, pochi giorni dopo, interamente girata alla Malubu, societa' privata intestata a prestanome ma in realta' controllata dall'ex ministro del petrolio nigeriano Dan Etete. Di questo miliardo - e questo, a quanto pare, e' uno dei punti fermi dell'inchiesta - 800 milioni erano destinati a funzionari e politici nigeriani (il solo ex ministro Etete si sarebbe messo in tasca 523 milioni), mentre i restanti 200 milioni dovevano arrivare in Italia. A chi? In che percentuale? Erano soldi destinati solo a intermediari come Bisignani e Di Nardo oppure una fetta doveva toccare anche ai manager Eni finiti sotto indagine, Descalzi, Scaroni e il capo della divisione Esplorazioni Roberto Casula? Saranno le indagini a chiarirlo. L'unica certezza - sottolineano in ambienti giudiziari milanesi - e' che nessuno di loro alla fine e' riuscito a mettersi un soldo in tasca. Merito della mossa preventiva della Procura di Milano che ha chiesto e ottenuto il sequestro di quei 200 milioni. Ma per essere accusati di corruzione non bisogna necessariamente essersi messi in tasca una mazzetta: basta aver trovato un accordo su come spartirsi soldi. E l'accordo - questa la convinzione dei magistrati milanesi - in questo caso c'e' stato. fcz/cam

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Usa
Trump vede produttori auto, anche Marchionne, e promette "spinta"
Generali
Generali, il mercato scommette sulla scalata di Intesa Sanpaolo
Generali
Battaglia su Generali infiamma titolo, vola Mediobanca
Taxi
Faro Antitrust su radio taxi, al via due istruttorie
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute, ok Camera a mozione contro l'abuso di antibiotici

Roma, 24 gen. (askanews) - "Approvata dalla Camera la nostra mozione contro la resistenza agli antibiotici, un fenomeno che, di questo passo, entro il 2050 potrebbe diventare...

Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Del Pesce sarà main sponsor di Aquafarm 2017
Turismo
Alla scoperta di Piacenza con Sorgentedelvino Live
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio, Pasquali: Leonardo pronta a cogliere opportunità sviluppo
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4