mercoledì 07 dicembre | 21:14
pubblicato il 17/ott/2013 16:42

Energia: Rete Imprese, oneri impropri e fisco soffocano le Pmi

(ASCA) - Roma, 17 ott - ''L'eccessivo costo dell'energia soffoca le micro, le piccole e le medie imprese, che non possono continuare a sostenere il peso dei sussidi incrociati e dell'iniqua distribuzione del carico fiscale. E' in gioco la loro competitivita'. E' in gioco la loro sopravvivenza''.

Lo ha affermato Ivan Malavasi, presidente di Rete Imprese Italia, intervenendo alla Indagine conoscitiva sui costi dell'elettricita' e del gas come fattore strategico per la crescita del sistema produttivo del Paese indetta dalla 10a Commissione Industria del Senato. ''E' noto che la bolletta energetica in Italia e' tra le piu' pesanti d'Europa - ha sottolineato Malavasi - e cio' e' dovuto soprattutto a un mercato liberalizzato ma non efficiente, a una fiscalita' energetica elevata, al crescente peso degli oneri generali di sistema. In particolare, sul fronte dell'elettricita', i prezzi del mercato libero risultano piu' alti del 20% rispetto a quelli del mercato tutelato. Non solo. Sulle piccole e medie imprese grava il 74% della contribuzione agli oneri di sistema, vale a dire circa 10 miliardi sui 13,7 miliardi complessivi. Infine, le grandi imprese energivore, a fronte di consumi elettrici pari al 18% del totale nazionale, contribuiscono al gettito fiscale per appena il 3% mentre per gli altri consumatori la tassazione e' sei volte tanto''. ''Nel settore del gas - ha aggiunto Malavasi - Rete Imprese Italia evidenzia che l'assenza di una vera Borsa Gas ha di fatto penalizzato le imprese a minor consumo, che pertanto rimangono ancorate a prezzi mediamente piu' alti rispetto alle concorrenti europee. Come se non bastasse, la recente rimozione dei meccanismi di tutela del prezzo espone le imprese a nuovi aumenti dei costi''. ''Rete Imprese Italia chiede allora - ha affermato Malavasi - che, in attesa di provvedimenti strutturali e complessivi, l'attenzione del Governo e del Legislatore si concentri con urgenza su chi e' ingiustamente penalizzato, alleggerendo l'attuale aggravio. Nel lungo periodo, bisogna rivedere complessivamente il sistema impositivo, correggendo l'impostazione attuale che premia chi piu' consuma e penalizza chi risparmia e investe in efficienza. Occorre, inoltre, persistere nell'attivita' di potenziamento delle infrastrutture che consentono l'ingresso del gas in Italia, in quanto la diversificazione delle fonti di approvvigionamento e una gestione piu' efficiente del gas stoccato rappresentano - ha concluso Malavasi - l'unica via per garantire, in futuro, approvvigionamenti di gas sicuri ed economici''. fgl/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Mps
Mps: Vigilanza Bce studia proroga fino a 31 gennaio
Banche
Ue multa Agricole, Hsbc e JPMorgan su cartello Euribor: 485 mln
Banche
I 5 requisiti necessari a un eventuale "salva banche" con l'Esm
L.Bilancio
L.Bilancio: Senato approva fiducia con 173 sì
Altre sezioni
Salute e Benessere
Robot indossabile ridà capacità di presa a persone quadriplegiche
Enogastronomia
Domenica 11 dicembre Cantine aperte a Natale
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni