sabato 25 febbraio | 11:16
pubblicato il 17/ott/2013 16:42

Energia: Rete Imprese, oneri impropri e fisco soffocano le Pmi

(ASCA) - Roma, 17 ott - ''L'eccessivo costo dell'energia soffoca le micro, le piccole e le medie imprese, che non possono continuare a sostenere il peso dei sussidi incrociati e dell'iniqua distribuzione del carico fiscale. E' in gioco la loro competitivita'. E' in gioco la loro sopravvivenza''.

Lo ha affermato Ivan Malavasi, presidente di Rete Imprese Italia, intervenendo alla Indagine conoscitiva sui costi dell'elettricita' e del gas come fattore strategico per la crescita del sistema produttivo del Paese indetta dalla 10a Commissione Industria del Senato. ''E' noto che la bolletta energetica in Italia e' tra le piu' pesanti d'Europa - ha sottolineato Malavasi - e cio' e' dovuto soprattutto a un mercato liberalizzato ma non efficiente, a una fiscalita' energetica elevata, al crescente peso degli oneri generali di sistema. In particolare, sul fronte dell'elettricita', i prezzi del mercato libero risultano piu' alti del 20% rispetto a quelli del mercato tutelato. Non solo. Sulle piccole e medie imprese grava il 74% della contribuzione agli oneri di sistema, vale a dire circa 10 miliardi sui 13,7 miliardi complessivi. Infine, le grandi imprese energivore, a fronte di consumi elettrici pari al 18% del totale nazionale, contribuiscono al gettito fiscale per appena il 3% mentre per gli altri consumatori la tassazione e' sei volte tanto''. ''Nel settore del gas - ha aggiunto Malavasi - Rete Imprese Italia evidenzia che l'assenza di una vera Borsa Gas ha di fatto penalizzato le imprese a minor consumo, che pertanto rimangono ancorate a prezzi mediamente piu' alti rispetto alle concorrenti europee. Come se non bastasse, la recente rimozione dei meccanismi di tutela del prezzo espone le imprese a nuovi aumenti dei costi''. ''Rete Imprese Italia chiede allora - ha affermato Malavasi - che, in attesa di provvedimenti strutturali e complessivi, l'attenzione del Governo e del Legislatore si concentri con urgenza su chi e' ingiustamente penalizzato, alleggerendo l'attuale aggravio. Nel lungo periodo, bisogna rivedere complessivamente il sistema impositivo, correggendo l'impostazione attuale che premia chi piu' consuma e penalizza chi risparmia e investe in efficienza. Occorre, inoltre, persistere nell'attivita' di potenziamento delle infrastrutture che consentono l'ingresso del gas in Italia, in quanto la diversificazione delle fonti di approvvigionamento e una gestione piu' efficiente del gas stoccato rappresentano - ha concluso Malavasi - l'unica via per garantire, in futuro, approvvigionamenti di gas sicuri ed economici''. fgl/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Alitalia
Alitalia, Ball: accordo con sindacati condizione imprescindibile
Banche
Rbs, in nove anni 60 mld di perdite e 45 mld di aiuti di Stato
Germania
Cina primo partner commerciale della Germania: scalzati Usa
Mediaset
Mediaset a Vivendi: esposto alla Procura fondato e documentato
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech